Francia | Marine Le Pen ha interrotto la sua ascesa e le critiche emergono

(Parigi) Non abbastanza radicale o troppo verticale? Il declino del National Rally nelle elezioni regionali di domenica priva Marine Le Pen della capacità di dimostrare la sua capacità di governare e alimenta le critiche sia sulla sua “sottovalutazione” che sulle prestazioni interne del suo partito.


Anne Reno
Agenzia di media Francia

La RN non ha vinto alcun distretto e sta perdendo voti ovunque rispetto al 2015, sulla scia di massicce astensioni. Non è riuscito a vincere la Provenza-Alpi-Costa Azzurra (PACA), dove il suo candidato “inaugurale”, l’ex LR Thierry Mariani, ha finalmente ricevuto il 42,7% dei voti, contro il 57,3% di LR Renaud Muselier.

Ritirandosi anche nel suo feudo

Il Fronte nazionale si ritirò con più forza nella sua roccaforte ad Hauts-de-France, così come in Auvergne-Rhône-Alpes e in Occitania.

Non vinse alcuna divisione e perse metà dei suoi cantoni (dal 27 al 13), e Marine Le Pen trovò poco conforto a Hénin-Beaumont (Pas-de-Calais).

Il desiderio del candidato all’Eliseo era, però, che fossero eletti più candidati per le elezioni comunali 2020 e poi per le elezioni provinciali e territoriali, altrettanti gradini per scalare il muro delle elezioni presidenziali.

Si trattava di dimostrare che la RN, grazie al nuovo nome “March”, da cui è stata cancellata la parola “fronte”, diventava un partito di “governo” e non solo di “protesta”.

piantare

Tuttavia, il FN ha perso il 44% delle elezioni comunali lo scorso anno, nonostante abbia vinto a Perpignan, questa volta perdendo il 30% dei suoi consiglieri regionali (da 358 a 252). Ha anche perso il 28% dei suoi funzionari eletti durante il suo mandato, che si sono dimessi o si sono separati come in Hauts-de-France o Pays de la Loire.

READ  È stato fotografato un raro pinguino giallo

Secondo lo storico Nicholas Leborg, il Fronte Nazionale, nonostante i desideri dichiarati del suo presidente, ha trascurato la sua presenza locale, considerata “secondaria all’avventura presidenziale”.

Barbara Maiziere, la cancelliera regionale uscente del Pays de la Loire, ha denunciato il “fallimento della politica di esclusione e apertura a sinistra e paracadutismo”.

A Deux-Sèvres, l’ufficio ristretto della RN si è chiuso tra i due turni, per una “strategia perdente” tanto quanto domestica, con l’Umbrella che emerge in cima alla lista, come patriottica, con un partito che è diventato “liscio ” e “consensuale”.

Il sindaco di Mossack Roman Lopez, ex assistente parlamentare di Marion Marechal, considera “buona” la “linea di sintonia” di Marine Le Pen, ma è necessario “rivedere” la direzione.

Eric Zemmour in un’imboscata?

“L’RN non sogna più”, ha detto l’ex delegato agli RN Studies, Jean Messiha, che aveva lasciato il partito a causa del suo autismo, accusandolo di rifiutare qualsiasi “corrente” al suo interno.

L’eurodeputato Gilbert Collard crede che “non dobbiamo semplificare i nostri pensieri” di fronte a una possibile nomina 2022 per la polemica Eric Zemmour, che lunedì ha accusato Marine Le Pen di “epurare” i suoi avversari, di essere lontano dalla sua base” e di addolcire molto il suo discorso […] che gli elettori non si riconoscono più”.

Per avvicinarsi alla corsa, i sostenitori di Eric Zemmour in diverse città hanno appeso da domenica sera a lunedì poster con la scritta “Zemmour’s Chief”.

“Questo è un giorno dopo le elezioni che canti”, ha esultato il sindaco di Orange Jacques Bombard.

RN “Orrore continuo”

Al contrario, il sindaco di Béziers vicino alla RN Robert Ménard ritiene che l’RPA “continui a essere intimidito” e “dovrebbe essere rassicurato”, mettendo in dubbio la “credibilità delle persone fornite dalla RN”.

READ  Sterilizzazione dei detenuti | Due carceri escluse dal contratto federale dopo abusi sugli immigrati

Anche il sindaco di Perpignan Louis Eliot, che brama la presidenza ad interim del partito, chiede una maggiore “normalizzazione”, ma non vuole “alzare la propria bandiera”.

La conferenza di sabato e domenica a Perpignan “sarà un’occasione per un dibattito fondamentale sulla strategia” e sulle “ragioni” della smobilitazione, auspica Nicholas Bay al Parlamento europeo.

Un funzionario eletto di Gefors (Ron) Antoine Meles, vicino a Marion Marechal, non andrà alla conferenza e profetizzerà con il suo tema: “Va tutto bene, signora La Marchese. Non cambierà nulla”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *