Criminal Trust ospitato da Credit Suisse per decenni

(Parigi) Il Credit Suisse ospita da diversi decenni decine di miliardi di euro in fondi di origine criminale o illecita, secondo un’indagine internazionale condotta da diversi media e pubblicata domenica, accuse che l’istituto finanziario svizzero “respinge con forza”.

Inserito alle 15:02

L’indagine è stata condotta dall’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP), un consorzio di 47 organi di stampa tra cui Lo scienziatoE il GuardianoIl Miami HeraldIl sua madredopo che una massiccia fuga di dati è stata inviata in forma anonima poco più di un anno fa al quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung.

Questi dati si riferiscono a più di 18.000 conti bancari ospitati dal Credit Suisse tra l’inizio degli anni ’40 e la fine degli anni 2000 e appartengono a 37.000 persone o aziende, come rileva il quotidiano. Lo scienziato.

Sulla base della massiccia fuga di informazioni da migliaia di conti bancari gestiti da Credit Suisse, [l’enquête] Sembra che, a dispetto delle regole di veglia imposte alle principali banche internazionali, l’istituto zurighese abbia ospitato per diversi decenni denaro legato alla criminalità e alla corruzione”, scrive il giornale.

In una dichiarazione, Credit Suisse ha risposto alle accuse, affermando che i dati considerati erano “parziali, imprecisi o fuori contesto, risultando in una visione distorta della condotta aziendale” da parte della banca.

“Ora il 90% dei conti in questione è chiuso, di cui oltre il 60% prima del 2015”, conferma la banca, che sta anche avviando una “procedura di indagine” per la fuga di dati.

In totale, sono oltre 100 miliardi di franchi svizzeri (oltre 137 miliardi di dollari) inclusi nei calcoli studiati dal consorzio.

READ  Washington revoca una serie di restrizioni su Cuba

Le indiscrezioni si concentrano principalmente sui paesi in via di sviluppo: in Africa, Medio Oriente, Asia e Sud America, i clienti con sede in Europa occidentale rappresentano solo l’1% del totale, precisa il quotidiano.

Il Credit Suisse, al secondo posto nel settore bancario svizzero, è stato colpito da una serie di scandali nell’ultimo anno. A marzo la banca è stata distrutta dal fallimento della società finanziaria Greensill, in cui sono stati impegnati circa 10 miliardi di dollari attraverso quattro fondi, e poi dal crollo del fondo statunitense Archegos, che è costato circa 5 miliardi di dollari in banca.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.