Annie Girardot, Passione per tutto – rts.ch

Annie Girardot è scomparsa dieci anni fa ed era una delle più grandi attrici francesi. Uno sguardo alla vita di una donna normale in un viaggio straordinario.

“Se non fosse stata perfetta, così appassionata, se non avesse amato molto, a volte sarebbe stato più facile, ma avrebbe amato così tanto la sua vita?” Alla fine del documentario, chiede Lula Vogel, la nipote dell’attrice Annie Girardot secondo il suo cuore Di Frédéric Zamochnikoff, disponibile su RTSPlay fino al 26 aprile 2021.

Una vita di alti e bassi, successi e traversate del deserto iniziata nel 1931 a Parigi. Nata da un’ostetrica e da un padre sposato con un’altra donna che non riconosce, Annie Girardot è una studentessa eccezionale che viene subito notata grazie al suo eccellente discorso. Fu lei la prima a voler studiare infermieristica per proseguire la carriera di sua madre, infine si iscrisse al Conservatorio, dove si occupò delle spalle con Jean-Paul Belmondo, Jean-Pierre Marielle e anche Jean Rochefort.

Incontro decisivo con Jean Cocteau

E se ha terminato i suoi studi in arte drammatica con i primi due premi comici, è stato un incontro con Jean Cocteau che ha iniziato la sua carriera. Nel 1956 lo assunse per interpretare “La macchina da scrivere” e gli fu permesso di entrare nella Comédie-Française. Si rende subito conto del suo immenso talento di attrice tragica, ma sente che c’è qualcosa che non va nel suo aspetto. Le viene offerto di tagliarsi i capelli molto corti, cosa non comune a quel tempo tra le attrici famose. Una nuova acconciatura trascenderà la sua forza interiore e rivelerà la sua personalità. Ora sarà “La Girardot”.

Quando il cinema le ha aperto le porte, ha rassegnato le dimissioni dalla Comédie-Française. Lucino Visconti gli ha offerto di recitare nel suo film “Rocco and Brothers” al fianco di Alain Delon che farà anche il suo debutto. Il film è stato rilasciato nel 1960 e ha avuto successo ed è diventato una star.

READ  EuroFootball: Perché le trasmissioni ucraino-inglese su Kanalsat, MyCanal e Free si sono fermate

>> Per guardare una scena tra Annie Girardot e Alain Delon nel film “Rocco Bros”:

Evitato dalla nuova ondata

In questo set si innamora dell’attore italiano Renato Salvatore. Si sono sposati due anni dopo e hanno una figlia, Julia. Poi Annie Girardot condivide la sua vita tra la Francia e l’Italia. Ha realizzato diversi film senza molto successo. Segue un primo periodo di vergogna.

La fiorente nuova ondata degli anni ’60 non le ha prestato attenzione, considerandola un’attrice di un’altra epoca, con sua grande tristezza. Ma “Annie è il pubblico, è la vita … naturalmente non era interessata agli arroganti”, analizza il regista Claude Lelouch.

È anche lui che rilancerà la carriera della giovane donna ingaggiandola al fianco di Yves Montand in “Vivre pour vivre”. E per dimostrare a tutti che merita il ruolo, non esita a fare i test. Questo film è considerato una rinascita.

Un’attrice che non tradisce i sentimenti

Negli anni Settanta il successo c’era. Nella foto con Michelle Odyard in “Non beve, non fuma, non flirta … ma parla!” Permettendole di strofinarsi le spalle con ruoli comici, è lei che si fa un nome grazie ai drammi. Poi è “Mourir d’aimer” e “The Old Girl” dove posa per la prima volta sullo schermo con Philippe Noiret.

I registi e i produttori lottano, garantito per essere pieno di antipasti. È diventata l’attrice francese più famosa e più pagata al momento. Una donna che non tradisce, è completa e vicina alle persone. “Non ha mai suonato prima, lo è sempre stata”, osserva sua nipote, Lula Vogel.

Nel 1976, ha interpretato in “Dr. Francoise Jylland” il ruolo di un medico che scopre di avere un cancro. Una delle sue interpretazioni più belle le è valsa il primo Cesar, la migliore attrice.

Annie Girardot è un’attrice che sa regalarci le sue cicatrici e la sua vita.

Claude Lelouch, regista francese

Avvolgimento laterale non riuscito

All’inizio degli anni ’80, stanca di recitare sempre gli stessi ruoli, voleva qualcos’altro. In una relazione con il regista / cantautore Bob Decout, ha deciso di iniziare a cantare. Insieme mettono in scena uno spettacolo musicale in cui investirai molte energie e denaro, ma sarebbe un fallimento totale.

READ  I tessitori marocchini partecipano alla mostra sulla cultura araba

La coppia, senza ulteriori successi, cerca altri progetti che allontanano l’attrice dal teatro e dal cinema. Cominciamo a dimenticarlo. Il suo nome appare ancora in alcuni film e opere teatrali. Ma il morale è al minimo. Crea un vuoto intorno a lei e cade nella dipendenza.

Altri due sono Cesare

E ancora è stato il regista Claude Lelouch a riportarla in vita a metà degli anni ’90, offrendole di recitare in Les Misérables, che ha fatto guadagnare a Cesar il miglior ruolo di supporto.

Il regista racconta che il giorno delle riprese della scena che gli ha permesso di ricevere questo premio, l’attrice gli ha chiesto di poter passare la sua giornata. Non si sentiva adatta a suonare a causa di molti problemi nella sua vita privata. Quindi Claude Lelouch gli suggerisce di prendersi una volta e di divorziare. E lì accade qualcosa di straordinario. Lascia tutto e crea il muschio del secolo in un’improvvisazione che mescola il suo ruolo nel film con ciò che vive nella sua vita personale.

>> Per vedere la scena del film “Les Miserables” tra Annie Girardo e Michel Boujina, che ha vinto l’attrice Cesar (soprattutto dalle 14.24):

C’erano beffe e drammi nello stesso letto ed era un letto molto piccolo

Michel Boujina, l’attore che recita con Annie Girardot in “Les Miserables”

Durante la presentazione di Caesar, piangendo e dopo diversi minuti di applausi del pubblico, si è lasciata riprendere dal cuore: “Non so se mi è mancato il cinema francese, ma per me ha perso il cinema. Folle. Disperatamente. Dolorosamente. La tua testimonianza, il tuo amore, mi fa credere. Forse, voglio dire forse, non sono ancora completamente morto “.

READ  L'Italia fa il suo cinema in occasione della 35° Giornata del Cinema Italiano

>> Per vedere, Annie Girardot ha ottenuto Cesar per il miglior ruolo di supporto di “Les Miserables”:

Nonostante un altro Cesar come miglior attore non protagonista per “The Pianist” di Michael Haneke nel 2002, la sua carriera non è mai ripresa.

Simbolo della lotta contro il pesce zebra

Poi ha saputo che era stata infettata da una malattia rossa per diversi anni e ora deve ricorrere a un apparecchio acustico per riprodurlo. Dal 2001 al 2003, tuttavia, ha ripreso a teatro per quasi 200 spettacoli di “Madame Margaret”, ruolo che aveva già interpretato con successo negli anni ’70 e ha vinto il Premio Moliere come migliore attrice.

Nel 2005 interpreta coraggiosamente una donna che perde la memoria in Better Friends …, il primo lungometraggio diretto da Eric Toledano e Olivier Nacache.

Infine, nel 2006, la sua famiglia ha annunciato pubblicamente la sua malattia per porre fine alle voci secondo cui soffriva di alcolismo, il che spiega la sua scarsa memoria e fragilità.

Per diversi mesi, l’attrice bacerà le telecamere di Nicholas Pollio per mostrare le sue lotte quotidiane da malata. Un film in movimento da vedere nel film documentario “This Way Life Goes”, uscito nel 2007.

Dopo aver recitato in quasi 200 film, film per la TV e quasi quaranta opere teatrali, Annie Gerrardot è morta nel 2011 all’età di 79 anni. Il giorno del suo funerale, all’uscita della chiesa, il pubblico lo ha applaudito per lunghi minuti. Un ultimo applauso per un’icona che ha catturato i cuori della folla.

Andréanne Quartier-la-Tente

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *