Allora, qual è il valore di questo film su Roberto Baggio? / Cultura calcistica / SOFOOT.com

Accessibile su Netflix dal 26 maggio, Letizia Lamartire tenta di dipingere un quadro completo di Roberto Baggio, evocando la conversione dell’attaccante al buddismo, lo shock del suo tiro sbagliato nella finale dei Mondiali del 1994 o il rapporto conflittuale tra il giocatore e suo padre. Ma un po’ a lungo sul perché e come la connessione emotiva che ha Devin Codeno Parla con i fan. Questo si chiama ignorare il suo soggetto.

Raccontare la leggenda non è facile. Per celebrarlo, tuttavia, il narratore ha generalmente a disposizione due opzioni principali: in primo luogo, può abbracciare l’intero mito. Racconta la storia da zero. Come il grande romanzo russo che da solo genera il suo piccolo mondo, dove si scontrano personaggi secondari e storie secondarie, un piccolo mondo di parole e carta con prospettive quasi infinite. Oppure può scegliere un momento, uno spicchio di vita, che rivela un percorso, un carattere. Nel caso di Roberto Baggio si pensa subito al Mondiale del 1994. Il suo gol mancato nella finale contro il Brasile. Insieme a questo tragico fallimento ha aperto il film Letizia Lamartire. Per Baggio ci sarà un prima e un dopo. Il Devin Codeno Non si sarebbe perdonato completamente per il suo fallimento. Dai la colpa a lei per la promessa che avrebbe fatto nel Pallone d’Oro del 1993 BabaQuando aveva tre anni. Che vincere la finale dei Mondiali, contro Selezione.
Un’occasione per un lungometraggio da lanciare in un flashback e tornare alle origini del giocatore. Classica, ma in definitiva del tutto accademica, la narrativa del film sceglie un mezzo, non sempre perfetto, scegliendo di non coprire l’intera carriera di Baggio, ma tornando a tre grandi sequenze della sua vita: i suoi inizi. Complicato dagli infortuni e dalla sua conversione al buddismo, il burrascoso Mondiale del 1994 (simboleggiato dalla sua misera relazione con Arrigo Saki, allora allenatore Nazionale) e infine la sua rinascita a Brescia, segnata alla fine del percorso dalla mancata selezione per i Mondiali del 2002. Tutti sono finalmente padroni dell’intera carriera, e l’argomento è molto sparso. Il comune denominatore della storia – il rapporto frustrante di Baggio con un padre prepotente ed esigente – è piuttosto tenue e le perversioni sono troppe. Sta andando tutto troppo veloce, mentre l’ora e mezza sembra decisamente troppo fragile per disegnare l’aura dell’ex leggenda bianconera.

READ  Con 64 milioni di follower su Tik Tok, Khaby Lame rivela il suo più grande segreto

scrunchie e coda di cavallo

Soprattutto, il film parla molto poco di ciò che ha reso Roberto Baggio così unico. L’Italia potrebbe essersi confrontata con i grandi giocatori della sua lunga storia e forse non hanno mai amato un calciatore più di lui. perché ? Come ? Purtroppo l’argomento è un po’ trascurato. Per non parlare del 6 aprile 1991 quando Baggio, che un anno prima era stato contro di lui trasferito dalla Fiorentina alla Juventus, si rifiutò di calciare un rigore contro i Violetti. Prima di raccogliere una sciarpa della Fiorentina lanciata dallo spalto, torna negli spogliatoi per salutare l’intero stadio e dire ai tifosi toscani: “Sarai sempre nel mio cuore.”

In effetti, Roberto Baggio non era diverso solo perché era estremamente talentuoso. Era distaccato, prima di tutto perché trasudava una sensibilità speciale. Umanità modesta, ma non ha messo radici dietro la personalità di un calciatore professionista. Non gli piaceva e continua a non amare i media né parlare di calcio. Forse perché pensa che spiegare troppo il gioco significhi spogliarlo del suo fascino e del suo fascino. Il calcio non è mai così bello quanto insondabile, imprevedibile e selvaggio, come sapeva giocarlo bene Roberto Baggio. In questo calcio, svincolato da vincoli tattici e analisi, i tifosi si sono conosciuti. Letizia Lamartire tende a trascurare questo incontro emotivo tra l’attore e il suo pubblico, fatta eccezione per la sua ultima scena, che giustamente ha scelto di tornare alle origini. È un po’ vergognoso, ma non drammatico. Roberto Baggio sopravviverà lì. L’amore che il tifo ha anche per lui.

di Adrian Kandau

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *