Jack Franz, la voce francese di Robert De Niro, è morto

Rilasciato il 7 novembre 1980, è il musicista più selvaggiamente caduto nella storia, Brothers Blues, Ha celebrato il suo 40 ° anniversario nel 2020. La versione dell’anniversario è stata rilasciata in 4K a giugno

Ricordiamo, ovviamente, la leggendaria copertina di Una roccia rotolante, Annie Leibovitz ha firmato. John Belushi e Dan Aykroyd, i loro volti dipinti di blu, nero btu e occhiali, al culmine della loro gloria. Molti considerano oggi I Blues Brothers Essendo uno dei migliori film musicali di sempre, possiamo, senza troppa pressione, dimostrarlo vero.

Questo mix senza precedenti di commedia musicale e film d’azione, è vero, ha un grande potere: è completamente immortale e immortale, nonostante le sue radici profonde e volontarie in un luogo e in un tempo, Chicago alla fine degli anni ’70. Perché è lui dietro la trama con risonanza globale (un giovane serial killer che esce di prigione vede la luce divina e decide di compensare il suo perdono salvando l’orfanotrofio dove è cresciuto dalle mani degli squali nella proprietà; per questo , deve sistemare il suo precedente gruppo di musica soul e I Blues Brothers), Oltre all’esilarante duo comico e al ritmo della ferrovia, l’intero film è stato girato in ambientazioni reali, con un vero pubblico locale e veri poliziotti. È questo “cocktail” che permette di fare avventure di quelle che inizialmente sono solo una serie di sale da concerto allestite da due comici della televisione americana.

Genesi Brothers Blues Risale al 1976, quando l’americano John Belushi e il suo amico canadese Dan Ackroyd, due giovani comici denunciati dal programma radiofonico satirico National Lampoon, decisero di mettere un numero dove vengono ritratti come due fratelli, Jake ed Elwood Blues, vestiti da gangster. e gli amanti del soul, delle percussioni e del blues negli anni ’60 (come lo era Dan Ackroyd). Il loro look è anche direttamente ispirato dal bluesman John Lee Hooker.

READ  Venerdì inizia il Liegi Comedy Film Festival

Lucidano il loro numero in varie fasi dell’unione, e poi vengono assunti dalla NBC per riscaldare la folla della grande folla del Saturday Night Live. Il successo fu così immediato che compaiono sempre più spesso durante lo stesso programma e finiscono nel giugno 1978, nella prima parte di una delle esibizioni pubbliche dell’attore Steve Martin. È stato un trionfo, senza dubbio atteso da quando il concerto è stato registrato e un disco dal vivo, Bag Full of Blues, è stato pubblicato più tardi nell’anno. Quello che probabilmente non ci si aspettava era che l’album sarebbe salito al numero 1 della Billboard 200 e avrebbe venduto oltre un milione di copie. Grazie al cast, è davvero un’ottima prima idea: mettere insieme una squadra di supporto interamente realizzata con Stax e splendide dimensioni da studio per lo spirito originale degli anni ’60.

Nel processo, Hollywood sente l’odore della cosa giusta e iniziamo a girare un lungometraggio l’anno successivo. Quello che sarebbe stato più di un musicista nanard è diventato un completo successo grazie all’accoppiamento di un certo numero di idee. Innanzitutto, secondo il regista John Landis, l’idea originale era:Musica vera. I personaggi iniziano a cantare e ballare proprio come nel formato originale inventato a Broadway e reso popolare da Hollywood. Ma con un aspetto molto realistico.Poi per i numeri musicali, abbiamo reclutato alcuni dei più grandi nomi della musica nera negli ultimi 40 anni. Il cast è semplicemente fantastico: Cap Callaway, uno dei primi “artisti” del colore. Ray Charles, il primo musicista nero ad attraversare effettivamente il pubblico bianco cantando solo le sue creazioni; John Lee Hooker, vicino all’inventore del blues elettrico. Aretha Franklin, regina del soul e una delle icone dell’emancipazione delle donne nere; James Brown, che ha inventato il funk e ha cantato “Sono nero e ne sono orgoglioso“.

READ  Best Hair Look From Netflix's Bridgerton

Tutto questo fa I Blues Brothers Più di un semplice tributo: un vero inno alla cultura afroamericana. Il film avrà anche il vantaggio di rilanciare le carriere di alcuni di questi artisti poco dopo. Infine, l’ultima grande idea: utilizzare una delle città più cinematografiche degli Stati Uniti, Chicago, e garantire la piena e completa collaborazione delle autorità e dei residenti che consentirà a Landis e al suo team di girare ovunque. Nelle migliori condizioni, compresi i fine settimana in un centro cittadino deserto. Unica limitazione: pulire le strade entro lunedì mattina. Avranno anche accesso alla prigione di Juliet, con veri detenuti, per filmare la scena di apertura dell’uscita di Jake Blues. Anche l’edificio dove in seguito verrà allestita la leggendaria serie medica pronto soccorso, Contea di Cook, è coinvolta. Aggiungete a ciò gag, riferimenti e ammiccamenti in pacchetti di dodici personaggi colorati interpretati da musicisti, una delle attività più leggendarie nella storia del cinema, e otterrete una felicità totalmente pura.

Quarant’anni dopo I Blues Brothers Non è invecchiato un po ‘. Il successo del film al momento della sua uscita sarà tale che dopo la morte di Belushi nel 1982, Ackroyd e la band continueranno a girare e pubblicare registrazioni sotto il nome di The Blues Brothers e questo remake, Blues Brothers 2000 – True Copy. Nanard, questo! – Sperimenterà la luce del giorno nel 1998. In occasione del meritato omaggio offertogli dalla Cinémathèque, la nostra direttrice della fotografia, Mathilde Laureate, ha posto a John Landis un’importante domanda: in che misura i Blues Brothers hanno permesso che gli artisti R&B venissero reintrodotti Cultura americana? Risposta della parte interessata:Dan Aykroyd e John Belushi hanno usato la loro popolarità per attirare l’attenzione su questi artisti afroamericani in un momento in cui la disco – specialmente con band come The Bee Gees o Abba – dominava le classifiche. Il dialogo “Siamo in missione per Dio” è stato in realtà il mio modo per accendere la passione di Danny per questa musica.“Affidabile!

READ  Tour Italia: Intermarché non è più il tuo pollice in alto

Manuel Rapas

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *