Zone in misure di emergenza | La sanità pubblica voleva vietare alcuni viaggi tra le regioni

(Quebec) La Direzione generale della sanità pubblica ha raccomandato al governo di Legault di vietare i viaggi interregionali, “tranne in casi di estrema necessità”, per i cittadini le cui aree sono interessate a speciali misure di emergenza. Il Quebec non ha seguito questa raccomandazione.


Hugo Pilon-LarousseHugo Pilon-Larousse
Giornalismo

Martedì, il Dipartimento della sanità e dei servizi sociali ha emesso “raccomandazioni scritte dalla sanità pubblica ai fini del processo decisionale da parte del governo del Quebec in risposta alla pandemia”. Il Direttore Nazionale della Sanità Pubblica Dr. ha dettoS Lo ha annunciato Horacio Arruda in una conferenza stampa alle 13:00.

In un documento datato 6 aprile, relativo a misure da attuare due giorni dopo, l’8 aprile, la sanità pubblica ha raccomandato al Quebec di mantenere “misure speciali di emergenza” per le città del Quebec, Levis e Gatineau, ampliando il loro accesso ad altri Red Convenzioni incrociate. In queste zone. È stato inoltre raccomandato di “rafforzare le procedure esistenti”.

Il documento fornisce una tabella dei livelli rosso e arancione “rivisti”, che include una serie di nuove misure che il Quebec aveva annunciato all’epoca. Nella sezione “Viaggi interregionali”, il Ministero della Salute Pubblica ha raccomandato alle aree interessate con misure di emergenza che “è vietato lasciare l’area se non in casi di estrema necessità”.

Tuttavia, sul sito web del governo che dettaglia le istruzioni in vigore per le aree interessate da misure di emergenza, è scritto che è vietato viaggiare in un’area gialla o verde e che è sconsigliato in altre aree, senza un divieto ufficiale.

READ  Fare i lavori domestici migliora la salute del cervello

Una decisione presa nell’unità di crisi

Le decisioni sono state il risultato di colloqui tra il governo e la sanità pubblica. Sulla questione dei viaggi interregionali, è sempre stato chiaro che ai Quebec viene chiesto di non spostarsi da una regione all’altra ”, difendiamo martedì nell’ufficio del ministro della Salute, Christian Dube.

Ai fini dell’attuazione del provvedimento, si è deciso nell’Unità di Crisi di attuare la raccomandazione per gli spostamenti di diversi livelli verso le aree gialle al fine di proteggerle il più possibile dal virus. Dobbiamo ricordare che sono state effettuate anche ispezioni casuali di polizia per garantire che questa procedura sia rispettata il più possibile ”, aggiunge uno di loro.

Questa è la seconda volta dall’inizio della crisi sanitaria che il Quebec ha rivelato le opinioni scritte che la sanità pubblica gli ha inviato per guidare il suo processo decisionale. Anche il Ministero della Salute ha svolto tale esercizio lo scorso febbraio. Il ministero ha successivamente pubblicato 14 documenti, impegnandosi ad aggiornare regolarmente questa informativa.

In passato, il primo ministro Francois Legault ha assicurato di aver seguito le raccomandazioni fornite dalla sanità pubblica o di essere andato più duro, per eccessiva cautela, se riteneva che la situazione lo richiedesse.

Ad esempio, l’8 aprile, il signor Legault ha annunciato in modo “preventivo” che il coprifuoco sarebbe iniziato alle 20:00, invece che alle 21:30, nelle regioni di Montreal e La Faal, a partire dall’11 aprile. Tuttavia, la sanità pubblica non ha formalmente raccomandato una tale decisione nel suo documento che specifica le misure rigorose che saranno adottate dall’8 aprile per le zone rosse, mentre rimane in vigore il coprifuoco alle 21:30.

READ  Terrible wolves are not wolves at all - they form a distinct breed with jackals

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *