Processo per omicidio Ahmed Arbery: la difesa è stata turbata dalla presenza di “preti neri”

Tre bianchi americani processati per l’omicidio di un jogger lunedì hanno chiesto l’annullamento del loro processo, sostenendo che la presenza di “preti neri” in tribunale potrebbe influenzare i giurati.

• Leggi anche: Ahmaud Arbery insiste sull’accusa di essere “appeso come un topo” prima di ucciderlo

• Leggi anche: Afroamericano solitario in giuria per il processo per omicidio di un jogger

Nel febbraio 2020, Gregory McMichael, suo figlio Travis e il loro vicino William Bryan hanno inseguito e sparato al venticinquenne Ahmaud Arbery a Brunswick, in Georgia.

Dopo che un videoclip per il dramma è stato trasmesso, il jogger è diventato un’icona del movimento antirazzista Black Lives Matter.

I tre uomini, processati per l’omicidio, si sono dichiarati non colpevoli, sostenendo di averlo arrestato per furto con scasso e di aver agito in base a una legge locale che consente l’arresto di privati ​​cittadini.

Giovedì scorso, l’avvocato di William Bryan era già sconvolto dalla presenza in tribunale del reverendo Al Sharpton, una figura nella lotta per i diritti civili. “Non vogliamo che altri pastori neri vengano qui”, ha detto Kevin Gough.

Il giudice Timothy Walmsley ha risposto che non avrebbe schermato i membri del pubblico. “Questo non è illegale”, ha aggiunto l’avvocato di Ben Crump, il padre di Ahmed Arbery, impegnandosi a “portare un centinaio di cappellani neri a pregare con la famiglia”.

Lunedì, il reverendo Jesse Jackson si è seduto accanto ai genitori di un jogger in tribunale. E quando sua madre è scoppiata in lacrime, l’ha consolata davanti alla giuria.

Poi il signor Gough tornò alla carica. “Chiedo che il processo venga annullato” con la motivazione che “l’atmosfera del processo dentro e fuori dal tribunale priva il signor Brian del suo diritto a un processo equo”, ha detto.

READ  La carriera di Sun Biden mette in imbarazzo la Casa Bianca

Ha continuato: “Abbiamo icone dei diritti civili sedute qui (…) con gli occhi fissi sui giurati”. “I precedenti nei casi di gang mostrano che avere un pubblico in un’aula di tribunale può influenzare i giurati”.

“Soprattutto non voglio suggerire che Sharpton o Jesse Jackson appartengano a una banda”, ma “sentire tutti questi leader della comunità ripetere che temono di vedere bruciare la città” in caso di assoluzione, mi ha detto di nuovo. Gough.

Senza ripetere le sue argomentazioni, anche gli altri avvocati difensori hanno chiesto l’annullamento del processo, ma il giudice Walmsley ha respinto la loro richiesta, affermando che lo stesso sig. Gough aveva causato l’arrivo di nuovi cappellani.

Il processo, ben frequentato, è ripreso negli Stati Uniti con l’audizione dei testimoni. Dovrebbe durare diversi giorni.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *