‘La gente ci odia’: questo russo in Messico denuncia in lacrime la russofobia

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, molti russi hanno lasciato il loro paese e hanno difficoltà a integrarsi.

• Leggi anche: Russi e ucraini festeggiano il Natale e le ostilità continuano

• Leggi anche: Washington offre 3 miliardi di dollari in nuovi aiuti militari all’Ucraina

Molti di loro si sono lamentati sui social media di essere vittime della “russofobia”, o del fatto di avere sentimenti anti-russi.

In molti casi, questi cittadini sono accusati di sostenere l’invasione dell’Ucraina.

Di recente, la fondatrice della ONG WindOfChange, un think tank incentrato sui valori democratici, ha citato un estratto di una visita russa in Messico, vittima di molestie a causa della sua nazionalità.

“In Messico la gente ci odia. Siamo venuti qui per arrivare negli States, ma qui non gli piacciamo. Tutti odiano i russi! Non ce la faccio più”. […]ha riassunto.

La donna, che in precedenza era rimasta alcuni mesi in Brasile, è indignata dal fatto che l’Occidente guardi male i russi.

“Perché siamo così umiliati? Potremmo essere troppo emotivi o troppo onesti, ma non siamo mai aggressivi”. […]. Voglio vivere in una società in cui le persone siano più tolleranti. Sono cresciuto etero perché ho il passaporto russo, non sono niente.

READ  Continuano con difficoltà le evacuazioni all'aeroporto di Kabul

Nello stralcio, che si è visto più volte, la signora non ha chiarito se sostenga pubblicamente l’operazione militare speciale di Vladimir Putin.

Lo scorso settembre, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha criticato l’aumento dell’odio nei confronti dell’etnia russa davanti alle Nazioni Unite.

“La paura ufficiale della Russia in Occidente non ha precedenti e la sua portata è mostruosa”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.