Nanni Moretti: “In Tre Piani c’è qualcosa a cui il pubblico della serie non è più abituato: l’intensità”

In occasione dell’uscita nelle sale il 10 novembre di “Tre Piani”, il suo nuovo film corale e morale, il regista italiano ha espresso fiducia nella sua carriera, rifiutando di collaborare con le piattaforme Internet e la sua volontà di dirigere film casalinghi indipendentemente dal fatto che sarà redditizio, divertente o tragico.

tre piani, La nuova Tata Moretti, che sarà nelle sale mercoledì 10 novembre, è un film corale in cui seguiamo, in tre epoche, gli abitanti di un bel palazzo di Roma. La cui vita è stata stravolta dall’incidente di uno di loro: un adolescente ubriaco al volante ha investito un passante… Il regista italiano, conosciuto a fine ottobre a Parigi, difende questo film serio e bello, abbastanza recente benvenuto dal Festival di Cannes, dove è stato presentato in concorso.

Scegliere un film corale, molto romantico, con diversi personaggi i cui destini si incrociano, è questa la tua risposta come regista alla follia della serie?
Guardando indietro, penso che ci siano dentro tre piani Qualcosa che le masse sequenziali non usano più: la densità. Spesso in una serie, ci sono quaranta o cinquanta minuti in cui gli spettatori si preparano per un’ultima scena accattivante fino a quando non vedono l’episodio successivo. Il mio film non è stato affatto costruito così: non ci sono sequenze fugaci, ogni scena è come un mini-film a sé stante. In questo senso sto parlando di densità, c’è una tensione costante. Non ho niente contro le soap opera, le guardo a volte, anche se non le vedo gioco del calamaro Quello di cui tutti parlano, e probabilmente non lo vedrò. Ma scrivo e dirigo ancora film per il cinema. Quando ho scoperto qualche anno fa che Martin Scorsese avrebbe fatto un film per Netflix (Irlandesi), Mi ha reso triste.

READ  Facebook scommette sull'intrattenimento per creare lezioni di marketing digitale per aziende come la tua
  • pagamento sicuro
  • senza impegno
  • Cancellazione semplice

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *