Morte Raffaella Carrà, icona della canzone italiana

(Roma) E’ morta a 78 anni Raffaella Carrà, icona della televisione e della canzone per generazioni di italiani, secondo i media italiani che citavano chi gli stava intorno


“Raffaella ci ha lasciati per un mondo migliore, dove brilleranno per sempre la sua umanità, la sua risata inimitabile e il suo straordinario talento”, ha annunciato all’agenzia di stampa Ansa l’ex compagno Sergio Iapino.

“Con la scomparsa di Raffaella Carrà se ne va la grande signora della televisione italiana. Una donna di grande talento, appassionata e umana che ci ha accompagnato per tutta la vita. Addio Raffaella”, ha reagito il ministro della Cultura Dario Franceschini. “La sua risata e la sua generosità hanno accompagnato generazioni di italiani”, ha detto il premier Mario Draghi.

Nata a Bologna il 18 giugno 1943, Raffaella Carrà, vero nome Raffaella Maria Roberta Pelloni, ha una lunga carriera in RAI, la televisione pubblica italiana, dove le sue doti di ballerina, cantante e conduttrice di spettacoli di successo hanno segnato milioni di italiani.

Tra i suoi successi più famosi ci sono in particolare Tuca tuca, o Inizi a fare l’amore. Famosa in Italia ma anche in Spagna, si considerava un’icona per i gay “grazie alle sue canzoni e alla sua gioia di vivere”.

Fu negli anni ’70 che la sua popolarità raggiunse l’apice con le sue canzoni pop in Italia e Spagna, ma anche in America Latina. Era quindi una grande star della televisione spagnola dopo il ritorno della democrazia in questo paese.

Nel suo film Gocce d’acqua su pietre ardenti, il regista francese François Ozon usa la versione tedesca della sua canzone Inizi a fare l’amore, che ha cantato anche in francese (Visto che la ami, diglielo), in spagnolo (In amore tutto sta iniziando) e in inglese (Fallo di nuovo).

READ  Morto Kim Ki-duk di Covid-19, cult director coreano con "Iron 3-The empty house" - Corriere.it

Nel film viene utilizzata anche la versione italiana, remixata dal DJ francese Bob Sinclar. La grande bellezza di Paolo Sorrentino (2013, Oscar per il miglior film straniero nel 2014).

Nel 2013 ha fatto il suo ritorno alla televisione italiana, sempre in Rai, come coach del reality show. La voce dell’Italia.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.