Borgo Montenero, sulla destra senza remore

A mezzogiorno, domenica 25 settembre, un elettore su cinque si era recato in uno dei seggi elettorali del Paese (qui, a Roma). GUGLIELMO MANGIAPANE/REUTERS

RELAZIONE – Questo paese doveva mettere in testa, domenica, il partito postfascista Fratelli d’Italia, favorito del ballottaggio alle urne.

Inviato Speciale a Pontinia

Nonostante la pioggia battente, questa domenica gli abitanti di Borgo Montenero si sono presentati numerosi per eleggere i loro deputati e senatori. Situato nella regione delle paludi pontine, che il regime fascista di Benito Mussolini contribuì a prosciugare prima di trasferirvi i poveri veneti e friulani per garantirne lo sviluppo, questo borgo agricolo tradizionalmente vota molto a destra. “Mio nonno, che arrivò qui nel 1935, provò fino alla morte non solo una grande gratitudine, ma anche una forma di nostalgia per quel tempo in cui tutto sembrava più semplice”dice Emilio Di Magio.

Questo ingegnere meccanico, 50 anni, ha appena votato senza remore i candidati di Fratelli d’Italia, partito di destra radicale del movimento postfascista, che corre a capo di una coalizione con la Lega di Matteo Salvini e il partito di Silvio Berlusconi. Gli ultimi sondaggi, pubblicati dieci giorni fa, lo davano chiaramente…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora l’80% da scoprire.

La libertà non ha confini, come la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo a € 0,99 per il primo mese

Sei già iscritto? Login

READ  Foot Mondial - L'Italia deve giocare il Mondiale, richiesto il pass

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.