Cancro alla prostata: PET/MRI per evitare l’80% delle biopsie non necessarie

Cancro alla prostata: PET/MRI per evitare l’80% delle biopsie non necessarie

La PET/MRI consente quindi di migliorare l’accuratezza diagnostica dei pazienti affetti da cancro alla prostata ed evitare esami invasivi non necessari, a condizione però che venga utilizzata la scala corretta.

Il Prostate Imaging Reporting and Data System (PI-RADS) è una scala a 5 punti utilizzata per valutare il sospetto cancro alla prostata sulle immagini MRI. La categoria 3 PI-RADS, che presenta un suggerimento poco chiaro di cancro alla prostata clinicamente significativo, rimane una “sfida diagnostica”. Sebbene le attuali linee guida raccomandino una biopsia in questo contesto, meno del 20% delle lesioni classificate come PI-RADS 3 sono coerenti con un cancro alla prostata clinicamente significativo.

Una soluzione diagnostica al dilemma della lesione PI-RADS 3

“Le lesioni PI-RADS 3 pongono un dilemma sia per gli urologi che per i pazienti perché la biopsia immediata spesso non è necessaria; tuttavia, una strategia di sorveglianza attiva può anche portare a perdere una diagnosi di cancro alla prostata clinicamente importante;Uno degli autori principali, il dottor Hongqian Guo, urologo dell’ospedale di Nanchino, riassume: “Pertanto, escludere specificamente il cancro alla prostata tra le lesioni PI-RADS 3 ha implicazioni cliniche significative”.

lo studio È stato eseguito su 56 uomini con lesioni PI-RADS 3, sottoposti a PET/MRI con 68Ga-PSMA. Dopo l’imaging, tutti i pazienti sono stati sottoposti a biopsia prostatica per valutare se avevano un cancro alla prostata clinicamente significativo. Questi test rivelano quanto segue:

  • Un cancro alla prostata clinicamente significativo è stato rilevato mediante biopsia in 8 pazienti su 56, ovvero nel 14% dei partecipanti;
  • Con la PET/MRI, 40 partecipanti su 48, ovvero l’83%, sono stati in grado di evitare biopsie non necessarie, esponendoli al rischio di perdere un cancro alla prostata clinicamente significativo degli otto casi identificati dalla biopsia, ovvero circa il 12%.
READ  Insegnante di scienze a Panama riceve il titolo di insegnante maestro | Notizie, sport, lavoro

I ricercatori concludono che “valore aggiunto » di 68Ga-PSMA PET/MRI nella classificazione delle lesioni PI-RADS 3 ed è stato suggerito che i pazienti “PI-RADS 3” vengano indirizzati in futuro e, per quanto possibile, a

PET/MRI prima della biopsia prostatica.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *