Marta Pacino, testa per aria nella vita, pensieri chiari sui pattini

Portatrice della gigantesca sfera di cristallo, l’italiana inizia la sua stagione questo sabato a Sölden con la stessa ambizione.

a volte chiamato “CiclicoCome una testa di pesce in aria da un cartone Pixar.mondo di nemo“Chi dimentica sempre tutto, ma l’italiana Marta Pacino, numero uno al mondo nel Gigante lo scorso inverno, ha le idee chiare quando si mette i pattini. A Sölden, dove inizia la stagione con i tradizionali giganti femminili (sabato) e maschili (domenica), l’italiana trova un circuito dove ha brillato lo scorso anno, vittoriosa in una gara che si è disputata a porte chiuse a causa della pandemia. “È un ricordo molto bello, con Federica (Brignone) al secondo posto. Ci sarà anche il pubblico. I miei genitori hanno preso il biglietto per venire a sostenermi‘”, ammette il pattinatore di 25 anni all’AFP. “Ogni stagione è diversa, ma ripartiremo da quella base con grande fiducia nelle mie capacità.E lei aggiunge, conservata.costanza” lei ha “Sono riuscito a trovare la scorsa stagione»Con quattro vittorie (per cinque podi) da gigante in Coppa del Mondo, a cui si aggiunge l’unico oro italiano (in parallelo individuale) ai Mondiali di Cortina di febbraio.

Grandi progressi per chi, prima di questa grande stagione, contava solo il successo in Coppa del Mondo (nel 2019). “VersatilePer sua natura, il Campione del Mondo Junior 2014 spera di fare ulteriori progressi in Super-G e non rifuggirà dallo slalom o dalla discesa libera:Vedremo come inizia la stagione, ma l’idea è di fare tutti i controlli». “Ho fatto domanda con loro. Quando ti alleni con atleti così forti, ti spingono davvero a tirare fuori tutto quello che puoi fare e persino a cercare i tuoi limiti. Sia tecnicamente, quando analizzi cosa fa l’uno o l’altro, sia mentalmente, quando vedi come si avvicinano alle cose, il loro design‘”, descrive Pacino.

Ha sempre avuto un gran tocco, si ha l’impressione che voli sulla neve, è morbidissimo.

Tessa Worley

Sophia Jogia, specialista delle piste, ha ammesso di aver approfittato del suo consiglio. “Mi ha aiutato molto a capire come pattinare davvero come un gigante. C’è molto da imparare da tutti e specialmente dalla persona che è attualmente classificata al primo posto in questo major. Perché penso che il gigante sia un po’ un fondamento di una certa consistenzaNote di Jogja. “Stiamo ancora insieme, siamo gli stessi»», sorride ancora il discendente, mostrando legami reali con Pacino mentre Brignoni si è allontanato maggiormente, allenandosi spesso fuori squadra con il fratello. La francese Tessa Worley, due volte campionessa del mondo dei giganti (nel 2013 e nel 2017), non è meno colpita dalla tecnica dell’italiana: “Ha sempre avuto un tocco meraviglioso, abbiamo l’impressione che voli sulla neve, è molto morbido, per me va nella direzione dello sviluppo della tecnologia gigante.»

E se continuiamo a chiamarlaCiclico»-«A volte non ricordo cosa è successo qualche giorno fa!Il Pacino trova nella sua freschezza il vero punto di forza. Questo è incredibile”avventatezza». “Nell’adolescenza, questo è il momento più difficile, molti smettono di gareggiare. Grazie a mio padre, mi sono sempre avvicinato allo sci e alle corse con il sorriso, mi ha sempre mostrato la competizione come intrattenimento, con un po’ di brio.“, come dici. “Quindi, quando sono arrivato a un livello più alto, non sono uscito sentendomi molto più giovane. E anche oggi, mantengo questo stato d’animo: correre, ruotare, mi piace ancora così tanto!», avverte la donna che se non le piace il freddo, è impaziente di rilanciare l’assalto sulle piste, sabato a Sölden.

READ  Un festival del cinema di montagna sotto i Monti Tatra!

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *