Italia: buone notizie per telelavoratori e “nomadi digitali”

Il nomadi digitali Otterrà finalmente un posto in Italia, hanno confermato i legislatori dopo mesi di speculazioni.

Il 28 marzo è stato approvato e rilasciato il nuovo visto per i lavoratori a distanza.

Questa notizia ha suscitato scalpore tra il numero crescente di professionisti che hanno lasciato il lavoro d’ufficio durante la pandemia. Qual è il modo migliore per combinare la vita online con l’essere in giro per le piazze, le colline o le coste azzurre d’Italia?

Questa nuova licenza è specificamente progettata per “nomade digitale“Non europei, o (meno attraenti) quelli”che svolgono attività professionali altamente qualificate attraverso l’utilizzo di strumenti tecnologici che consentano loro di lavorare a distanza, in autonomia o per azienda non ubicata nel territorio dello Stato italiano“.

I cittadini di paesi attualmente non UE possono trascorrere un massimo di 90 giorni in Italia Senza visto, si spera che questo accordo renda più facile per le persone vivere i propri sogni italiani a lungo termine.

Cosa sappiamo finora del visto italiano per nomadi digitali?

Il quotidiano finanziario italiano Il Sole 24 Ore ha dato una definizione ampia del concetto di lavoratore “altamente qualificato”. Dice che questa categoria include tutti.Dai professori universitari agli operatori circensi, marinai e infermieri professionisti“.

Sembra inoltre che il numero dei permessi rilasciati annualmente non sarà limitato, come avviene per le altre tipologie di visto previste dal “decreto flussi” italiano.

Deputato Movimento 5 Stelle Luca Carrabeta, sostenitore del visto Il nomade digitaleha detto che inizialmente durerà un anno e può essere esteso per includere i familiari stretti.

Sembra inoltre che sia prevista l’inclusione di un requisito di reddito minimo, sebbene l’importo non sia ancora noto.

READ  "Se gli Stati Uniti imporranno la loro offerta, sarà un nuovo colpo per la Francia".

I requisiti per il lavoratore a distanza sono la disponibilità di un alloggio adeguato, un reddito sufficiente, un’assicurazione sanitaria e una fedina penale pulitaLo ha detto al quotidiano locale il rappresentante Luca Carabita.

I futuri nomadi digitali dovranno aspettare un po’ prima di avere tutti i dettagli, poiché il governo italiano sta lavorando a un nuovo disegno di legge per attuare la legge.

Visti esistenti per lavoratori a distanza in Italia

Tuttavia, è ancora possibile trasferirsi come libero professionista o lavoratore a distanza, anche senza la categoria speciale in cui rientrano le altre persone Portogallo, Malta e altri luoghi.

Fino a quando non ne sapremo di più, ecco un elenco di visti attualmente disponibili per soggiorni di lunga durata nel paese.

visto di lavoro gratuito

Questo è il più autorizzato per il loro conto privato Attualmente gli extraeuropei chiedono quando vorranno stabilirsi in Italia. Ottenere il via libera, tuttavia, è un’altra questione. Solo 500 di questi visti vengono concessi nel 2022, come negli anni precedenti.

E ci sono alcuni ostacoli amministrativi, come dover iscriversi all’albo professionale pertinente al tuo campo, sebbene questi organismi non siano molto diffusi fuori dall’Italia.

Se accettato, il visto per lavoro autonomo è valido per un periodo iniziale di due anni.

Visto aziendale

Un permesso di lavoro per trasferimento in azienda è un’alternativa per chi ha un forte sostegno. Non devi lavorare per una grande azienda; Il consulente per l’immigrazione ha detto a Local che anche le piccole imprese degli Stati Uniti o del Regno Unito possono aprire una filiale in Italia.

Questo visto ha una validità di cinque anni e il governo italiano non specifica l’importo dell’assistenza concessa.

READ  Ibrahimovic in visita, Balotelli offre il suo appoggio

Tuttavia, può essere difficile giustificare finanziariamente il tuo progetto al tuo capo, perché dovrà investire almeno 20.000 euro nella società interna per dimostrare la sua credibilità e pagare le tasse. Se hai colleghi che condividono la tua passione per l’Italia, potresti essere in grado di difendere insieme la tua causa.

carta blu europea

Introdotto dall’Unione Europea, questo tipo di visto può essere adatto a persone che lavorano per un’azienda italiana. Anche in questo caso, non esiste una quota, ma ci sono alcune regole da seguire.

La Carta Blu è riservata ai cittadini extracomunitari altamente qualificati che percepiscono uno stipendio minimo di 24.789,93 euro e che hanno conseguito una laurea triennale. Per raggiungere questo obiettivo, l’azienda italiana deve disporre di almeno 50.000 euro per dimostrare la propria capacità di assumere un lavoratore straniero.

Se riesci a superare questi ostacoli, la carta dovrebbe renderti più facile viaggiare nell’Unione Europea. Inizialmente, potrai lavorare solo dal paese in cui ha sede l’azienda in cui lavori. Se lasci un altro Paese dell’UE per lavorare per un’azienda italiana, puoi richiedere la Carta Blu dopo aver trascorso 18 mesi in quell’altro Paese e un mese dopo il tuo arrivo in Italia.

Articolo tradotto dall’inglese

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.