Il verdetto è chiaro: Venere non è molto favorevole alla vita

Meno di un anno fa, nelle nuvole di zolfo di Venere è stata ipotizzata una molecola correlata all’attività dei batteri. Ma dobbiamo essere delusi: questa suora terrena ha preso la strada più sfavorevole.

Ricorda, l’anno scorso: l’intera stampa scientifica ha riprodotto le stesse informazioni, e presto tutti i media del mondo hanno seguito l’esempio. Una notizia del tutto improbabile, che ci ha fatto sognare tutti: Abbiamo appena scoperto possibili prove di vita su Venere! Lo scorso settembre, un team di astronomi ha affermato di aver osservato tracce di fosfina nell’atmosfera del pianeta più inospitale che si possa immaginare. Tuttavia, la fosfina è un composto organico ampiamente rifiutato sulla Terra da alcuni batteri anaerobi (che non hanno bisogno di ossigeno). Se ci fosse fosfina a 450°C in superficie ea 92 volte la pressione della Terra, in mezzo alla pioggia di acido solforico, potrebbe esserci anche la vita! Se non a terra, magari tra le sue nuvole, meno aggressiva per i batteri.

più secco del deserto

Tranne che un team di ricercatori dell’Università di Belfast dovrebbe ricordarci la ragione: a parte il fatto che la presenza di questa fosfina sarà certa solo quando sul posto ci sarà una sonda a confermarla, Venere è ancora molto ostile. Il pianeta ha già molecole d’acqua sospese nelle sue nuvole, ma non in una concentrazione abbastanza alta da favorire la comparsa della vita. Sulla base di esperimenti di laboratorio e osservazioni restituite dalle sonde, i ricercatori hanno teorizzato quella che chiamano attività dell’acqua nelle nuvole: l’acqua liquida avrebbe un’attività di 1 e la disidratazione totale un’attività di 0. Per esistere, la vita avrebbe bisogno di un’attività dell’acqua di almeno 0,585. Nelle nuvole di Venere, l’attività dell’acqua non sarà maggiore di 0,004, poiché l’acido bilancia la sua rara presenza. È più basso che nei nostri deserti più aridi! Quindi devono concludere che il livello dell’acqua nelle nuvole di Venere è cento volte inferiore al livello necessario per sostenere la vita: anche i batteri più sensibili che conosciamo non sopravviveranno.

READ  Facebook denuncia "malintenzionati"

da Giove?

Tanto che anche Esplorare Venere usando i robot come facciamo su Marte si è rivelato molto difficile : Nel 1967, la sonda sovietica Venera 4, il primo corpo umano a scendere tra le nuvole di questo pianeta, smise di funzionare e fu divorata dagli acidi, a 25 km dalla superficie! I russi non furono smontati, e nel 1970 riuscirono nel primo atterraggio su un altro pianeta con la Venera 7, che è più resistente: può funzionare per 23 minuti. Sappiamo da allora che l’uomo non metterà mai piede su Venere.

Se Venere non è davvero un buon candidato per la vita, ci sono altri candidati nel nostro sistema solare, come sottolinea il ricercatore John Halsworth: “Abbiamo scoperto che le condizioni dell’acqua – con attività solo 0,585 – e la temperatura nelle nuvole di Giove potrebbero consentire ai microbi per la vita di sopravvivere È un percorso sottile Molto, ma è meglio di niente.

Leggi anche:

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *