Il Vaticano protesta contro la condanna di un cardinale in Francia

Il Vaticano protesta contro la condanna di un cardinale in Francia

Sabato, il Vaticano ha descritto la condanna di un tribunale francese affiliato all'Ordine domenicano dello Spirito Santo e del cardinale canadese Marc Ouellet per l'espulsione di una suora “senza motivo” come una “grave violazione” della libertà di religione.

La sentenza del tribunale civile di Lorient (Bretagna, ovest del Paese), di cui la Santa Sede dice di essere venuta a conoscenza solo “attraverso la stampa”, “avrebbe comportato una grave violazione dei diritti fondamentali alla libertà di religione e alla libertà di espressione”. “Libertà di associazione per i fedeli cattolici”, si legge in un comunicato diffuso dalla Sala Stampa vaticana.

Il 3 aprile, il tribunale di Lorient ha condannato questa comunità religiosa a pagare al suo ex residente la somma di 182.400 euro per danni materiali e 10.000 euro per danni morali, in solidarietà al cardinale canadese e agli investigatori dei “Visitatori Apostolici” . Il Vaticano inviò Jean-Charles Nolte e Myles DeGobert a condurre indagini sul sito.

La Santa Sede spiega la gravità delle sue accuse con il fatto che il tribunale si è pronunciato “in materia di disciplina interna e di appartenenza a un ordine religioso”, sostenendo inoltre che “il cardinale Marc Ouellet non è mai stato citato in giudizio dal tribunale di Lorient”.

Egli conferma inoltre, nel suo comunicato, che una nota verbale al riguardo è stata inviata dalla Segreteria di Stato (l'organo centrale del Governo vaticano, ndr) all'Ambasciata di Francia presso la Santa Sede.

Tuttavia, il Vaticano riconosce che il cardinale “ha effettivamente compiuto una visita apostolica alla Comunità domenicana dello Spirito Santo sotto mandato papale” e che “al termine di questa visita è stata intrapresa un’azione legale contro la signora Sabin”. de la Valette (ex Suor Marie Ferrol), compreso il suo licenziamento.

READ  La luna più rara del 2021 brillerà nei nostri cieli questo fine settimana

Suor Marie Ferrol, 57 anni, è stata scomunicata nell'ottobre 2020 dalla sua comunità a Berny, vicino a Lorient. “Esclusione” senza motivo, imposta nel cuore della notte, dopo 34 anni di vita all'interno della sua comunità. Da allora vive solo con il RSA (reddito minimo).

Durante il processo, la presidente della Prima Camera Civile, Armelle Picard, fu sorpresa di non aver potuto vedere il fascicolo di accusa in Vaticano. Bertrand Olivier, avvocato dei Visitatori Apostolici, ha risposto che “non esiste alcun diritto di accesso al dossier in materia giuridica”.

La religiosa vive senza incidenti dal 1987 in questa comunità vicina ai movimenti cattolici tradizionali. Ma, secondo il suo avvocato, le cose sono peggiorate dal 2011, quando suor Marie Ferrol denunciò “violazioni e fatti gravi”.

Secondo il tribunale, l'associazione non ha fornito alcuna prova che dimostri che la cancellazione fosse conforme al suo statuto.

Il cardinale Marc Ouellet, all’epoca capo del dipartimento (l’organo amministrativo che assiste il papa) dei vescovi in ​​Vaticano, si è dimesso da quelle posizioni di rilievo a gennaio, ufficialmente “per limiti di età”, quando è stato accusato di crimini sessuali. Assalto in Quebec.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *