Russia: giornalista arrestato per i video della squadra di Navalny

Russia: giornalista arrestato per i video della squadra di Navalny

I tribunali di Mosca hanno annunciato oggi, sabato, che un giornalista russo che collabora con diversi media è stato messo in custodia cautelare con l'accusa di “estremismo” per aver partecipato alla creazione di video per il canale YouTube del defunto gruppo dell'opposizione Alexei Navalny.

• Leggi anche: Ucraina: due persone sono rimaste ferite in un “enorme” attacco russo.

Il servizio stampa del tribunale ha detto su Telegram che Konstantin Gabov è rimasto in detenzione almeno fino al 27 giugno in attesa del processo.

Secondo i media russi, il signor Gabov ha collaborato con diverse società di media, tra cui i canali televisivi russi Moskva 24 e MIR e l'agenzia bielorussa BelSat.

La magistratura russa lo accusa di “aver partecipato alla preparazione di foto e videoclip che dovevano essere pubblicati sul canale YouTube NavalnyLIVE”, hanno detto i giudici, riferendosi a una delle piattaforme utilizzate dalla squadra rivale di Alexei Navalny.

Alexei Navalny, un nemico di Vladimir Putin, è morto a febbraio in circostanze misteriose in una prigione artica. I tribunali hanno classificato il suo movimento come “estremista”, mettendo a rischio di perseguimento penale i suoi collaboratori e sostenitori.

La maggior parte dei compagni dell'avversario deceduto sono in esilio all'estero, mentre altri hanno ricevuto lunghe pene detentive.

Alla fine di marzo, anche la fotoreporter Antonina Kravtsova, che lavorava sotto il nome di Antonina Favorskaya, è stata arrestata con l’accusa di “estremismo”.

READ  Putin dice di volere la neutralità di Crimea e Ucraina

Ha seguito regolarmente i processi di Alexei Navalny per SOTAvision, uno degli ultimi media a documentare la repressione politica da parte della Russia e che le autorità russe classificano come “agente straniero”.

Ci sono molti altri giornalisti arrestati in Russia, tra cui l'americano Ivan Gershkovich, che è nel mirino dell'accusa di “spionaggio”, che respinge, così come i media, i suoi parenti e le autorità americane.

Anche la giornalista russo-americana Alsou Kurmasheva, che lavora per Radio Free Europe/Radio Liberty (RFE/RL), è detenuta dall'ottobre 2023 per non essersi registrata come “agente straniero” come richiesto dalle autorità.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *