I Voce Ventu hanno rivelato il loro ultimo album

Voce Ventu festeggia un quarto di secolo di esistenza con un nuovo album. Rhythm of Hope fa parte dell’attività principale del gruppo per la ricchezza della sua creazione e la diversità delle sue influenze. Il record è stato svelato oggi al Cargis

“QuintoCanteremo la vita. E con quella promessa, sarà l’ultima canzone del nuovo album vos vento. Una finestra aperta su un futuro che tutto segna, ma che il gruppo costruisce con speranza.

Questo ottimismo, questa fiducia in un domani migliore, è una firma artistica di Voce Ventu. Rappresenta ora un quarto di secolo di un’orchestra che è entrata nel Pantheon della canzone corsa.

Al ritmo della speranza È il quarto album dei Voce Ventu. Sta uscendo oggi e come ogni creatività del gruppo, crea insofferenza tra chi è intimidito all’idea di scoprirlo. Ritardato dall’emergenza sanitaria, il disco sarebbe dovuto uscire nel 2020. “Questo è il nostro album per il 25esimo anniversario che sveliamo il giorno del nostro 26esimo compleanno.”, sorride Fred Bogy, uno dei membri fondatori del gruppo. Insieme ad altri cantanti e musicisti, sarà presente questo pomeriggio, dalle 17:30, allo Spaziu Culturale Natale-Rocchicioli di Cargis per presentare l’album.

La scelta non è assolutamente banale. Il legame che unisce Voce Ventu con il villaggio di Dui Sevi si intreccia attraverso le numerose residenze d’arte organizzate dal gruppo a Spaziu. “Abbiamo aperto questa stanza con un concerto e c’è anche la maturità dell’ultimo album”, dice Fred Bogey. Prima che il confinamento congeli il pianeta, gli artisti hanno osservato lì due sessioni di creatività.

Nella fotografia di Vos Ventou, Al ritmo della speranza Si adatta come una grande impresa, un record “più successo”Secondo i creatori. “È una combinazione dei nostri colori, delle nostre influenze e dei temi che ci hanno influenzato”., racconta Fred Bogey. “È anche un punto di svoltaaggiunge Jean-Philippe Martini. Nella forma, con particolare cura e attenzione alle registrazioni. E poi anche sui vantaggi, con più script interattivi di prima. Forse questo era il momento, un desiderio comune”.

READ  PlayStation: Sony Corporation ha intentato una causa contro il monopolio della vendita di giochi digitali

La diversità dei suoni invita a viaggiare, dal Giappone al Cile, attraversando l’Himalaya e le spiagge della Corsica. Con speranza ad ogni passo. Tutte le nostre canzoni finiscono con una nota di speranza. Fred Bogy insiste.

Allora prende l’apparenza della luce che toglie le tenebre (Canteremo la vita), una terra immaginaria che si credeva dimenticare la guerra (guerra e ragazza), il ricongiungimento che segue la separazione (spicca(o l’eterna alba che sopravvive a tutti i drammi)Hanno preso un ragazzo).

Quest’estate sono previsti una decina di concerti

Da 25 anni Voce Ventu produce valvole. Alcuni dei quattordici titoli che lo compongono Al ritmo della speranza A loro è stato promesso questo destino. Inoltre, l’album dell’anniversario è accompagnato da un secondo disco in cui il gruppo ristampa dieci dei loro brani più emblematici, rivisitati per l’occasione (vedi box).

Allungando l’immancabile successo di un quarto di secolo, il gruppo ha sostenuto i personaggi che lo hanno accompagnato sin dall’inizio.

Se Fred Buggy rimane la colonna artistica, Alain Di Meglio e Petru Canon sono indicati come fissi. Nuove piume significano le canzoni dell’album: Ghjacumu Fusina e Jean-Simon Ambrosi collaborano per la prima volta e offrono testi potenti. Lionel Giacomeni e Jean-Philippe Martini parlano della loro composizione. Quest’ultimo offre anche un titolo già pronto. io nazioniChe scrive, compone ed esegue, deve anche in una certa misura alla collaborazione di un ex primo ministro. “Ascoltando Manuel Valls negare l’esistenza del popolo corso, ho voluto rispondergli, a modo mio, con quello che avevo in me”, Jean-Philippe Martini ha detto:

Al ritmo della speranza Nasconde altri gioielli che i fan di Voce Ventu potranno scoprire a partire da oggi. L’album esce come CD e USB e poi è on the road. La band ha già programmato decine di concerti per la stagione estiva. La prima è prevista per il 10 luglio a Moriani, seguita da una performance allo Spazio Cultural di Karges il 17 luglio. Dove la speranza non si esaurisce mai.

READ  10 fantastiche pepite XXL da non perdere la domenica mattina 🔥

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *