Gran Premio del Canada | Gino Rosato: Quebec Scuderia

“Non avrei mai pensato di farne cinque. Sono passati 30 anni. Gino Rosato, per un insieme di circostanze, è entrato in Ferrari nel 1991. Trent’anni dopo fa parte del management team ed è un membro a pieno titolo della ‘famiglia’ della Scuderia .

Inserito il 18 giugno

Catherine Harvey Benard

Catherine Harvey Benard
Giornalismo

Nulla indicava che Rosato avrebbe lavorato nel mondo del motorsport. Gino, 18 anni, stava lavorando in lavastoviglie in un hotel di Montreal durante il Gran Premio del Canada quando il suo capo gli ha chiesto di andare sul circuito Gilles Villeneuve per aiutare lo chef della Ferrari, che aveva riportato gravi ustioni.

Nato da madre Quebec e padre italiano, Rosato parlava tre lingue: francese, inglese e italiano. Quindi ha svolto il ruolo di traduttore per la squadra. Poi è finita: i Quebec hanno avuto un punto d’appoggio in Ferrari. L’anno successivo si ritrovò ad aiutare la stalla con la logistica.

“Le cose sono andate così bene che il signore della logistica mi ha chiesto se volevo partecipare a un altro Gran Premio. Parlavo lingue e nessuno le parlava. Ero come un astronauta” Giornalismo Dentro la sede della Ferrari, dietro i pascoli del Circuit Gilles Villeneuve.

“Ho lasciato quell’anno e ho fatto cinque o sei gare importanti. Mio padre non voleva abbandonare la scuola. Ma me ne sono andato. ”

Cambiamento dello stile di vita

Nel 1993 Gino Rosato “ha l’opportunità che è cambiata [sa] vita.” Su richiesta dell’ex presidente del Gran Premio del Canada Norman Legault, il responsabile del programma corse Peugeot Talbot Sport ha salutato in aeroporto Jean Todd. Era l’ultimo in città per la serie GT. Rosato ha preso un taxi per lui.

READ  "Siamo sulla buona strada per vincere tutti i titoli", l'ambizione di Verratti davanti al Manchester City

Un mese dopo, Todd diventa il capitano della Scuderia. Logicamente Rosato non ne fece una o due: le telefonò. Così Todd ha trovato un posto nel reparto logistico.

“È diventato il suo braccio destro”, ha detto Quebec, che negli anni ha detenuto diversi titoli alla Ferrari. Ora è un membro del team di gestione.

io sono con [le chef d’équipe de Ferrari Mattia] Binotto. Quotidianamente, risolvo i problemi. Ci sono cose diverse che non possono essere viste. Sono dietro le quinte, mi sento più a mio agio lì. Ci sono molte cose che accadono politicamente ogni giorno.

Gino Rosato

Rosato ha lasciato la Ferrari nel 2009 per diventare Vice President of Corporate Affairs di Lotus. Tre anni dopo, torna con la Scuderia. “La Ferrari è la Ferrari. In fondo è la verità”.

“Mi è sempre piaciuto il mio tempo alla Lotus, ma […] “È una famiglia qui per me”, dice.

Riassume “Sto camminando per il mondo con le persone che amo”.

I residenti di Laval hanno accumulato “migliaia di ricordi” nel corso degli anni. Il suo campionato più costoso rimane con la Ferrari nel 1999.

“Essendo così vicino a Jean Todt, se non avessimo vinto quell’anno saremmo partiti tutti. Avevo 27 anni all’epoca.

“Il mondo ci guardava come se fossimo noi il problema. Ma quando vinci! Da zero a campione, così. Ma fa parte dello sport, della competizione. Non lo dimenticherò mai”.

Elvis Presley della Ferrari

Gilles Villeneuve non ha avuto il tempo di vincere un campionato con la Ferrari, ma ha lasciato il segno come uomo e pilota che era. Gino Rosato se ne è accorto appena è arrivato alla Ferrari.

READ  Di Marchi era il più forte

“Quando parlo italiano, ovviamente non sono italiano. Ovunque vada, quando ho iniziato a lavorare nel mondo, ero del Quebec, dice. Il mondo non ha idea di cosa si sia lasciato dietro una generazione”. […] Lo spirito e la passione che ha saputo lasciarsi alle spalle, questa follia che ricorda un po’ gli italiani come popolo, è stata la combinazione perfetta. »

“Elvis Presley è diventato Ferrari”, aggiunge. È qualcosa di speciale. Nei negozi, gli adesivi sono ancora lì oggi. È incredibile vedere cosa ha lasciato senza mai vincere [un championnat]. »

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.