Google sta iniziando a testare FLoC, la sua alternativa ai cookie di terze parti

È ufficiale: Google Basta fare pubblicità attraverso Post sul blog Avvio dei test FLoC (Unified Group Learning), il proprio sistema di sostituzione dei cookie di terze parti Senza referenza Targeting individuale. Infatti, il browser Mountain View dell’azienda, Google Chrome, Si fermerà presto Per prendersi cura di loro.

E così sono iniziate le prove per un piccolo numero di utenti in Australia, Brasile, Canada, India, Indonesia, Giappone, Messico, Nuova Zelanda, Filippine e Stati Uniti. proprio adesso, L’Europa è emarginata Piani di Google poiché la società non sa ancora se FLoC è d’accordo RGPD. L’azienda specifica sul proprio blog che chi ha scelto di eliminare i cookie di terze parti su Chrome non è stato incluso nei test e che ad aprile verrà aggiunto un parametro al browser per scegliere di non parteciparvi.

Un file GIF che rappresenta l'animazione di FLoC.

Con FLoC, Google afferma di voler rispettare la privacy degli utenti. Immagine: Google

Parte integrante del programma Protezione della privacy Il metodo di Google per FLoC, secondo la società, offre una soluzione quasi altrettanto efficace dei cookie di terze parti per il targeting degli inserzionisti, nel rispetto della privacy degli utenti. Marshall Fell, Product Manager presso Privacy Sandbox spiega:

FLoC ti consente di rimanere anonimo durante la navigazione di siti Web e migliora anche la privacy consentendo agli editori di offrire annunci pertinenti a grandi gruppi (chiamati gruppi). I gruppi tipici sono definiti da somiglianze nella cronologia di navigazione, ma non si basano su chi sei . In effetti, il gruppo a cui appartieni cambia frequentemente a seconda dell’evoluzione della cronologia di navigazione. Ovviamente, quando desideri un’esperienza individuale, puoi sempre accedere ai siti Web e condividere le informazioni personali che desideri. “

Lo spiega ulteriormente “Il numero di identificazione del gruppo è l’unico elemento fornito su richiesta del sito”Mentre utilizzando cookie di terze parti, gli inserzionisti possono scegliere come target ogni utente individualmente. In futuro, Mountain View si concentrerà sul feedback di netizen, inserzionisti e sviluppatori per migliorare il proprio sistema, che ha già attirato l’attenzione di alcuni regolatori antitrust negli Stati Uniti. In effetti, molti procuratori generali ritengono che l’approccio di Google sia interessato e mirato a consolidare il suo monopolio sul settore della pubblicità online.

READ  Apple is planning to redesign the iMac in a long time

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *