Giornalista condannato a otto anni di carcere in Bielorussia

Un tribunale bielorusso mercoledì ha condannato la giornalista Katerina Pakhvalova a otto anni e tre mesi di carcere per “tradimento contro lo stato” in un processo segreto, ha riferito l’agenzia di stampa statale Belta.

In precedenza, la giornalista dell’opposizione Belsat, che lavorava per lei prima del suo arresto, aveva denunciato una condanna a otto anni di reclusione. La giovane stava già scontando una pena detentiva di due anni in relazione a un altro caso.

Il suo processo si è svolto a porte chiuse nella città di Gomel (sud). Nessuna informazione è stata filtrata sul contenuto delle accuse di tradimento. L’avvocato del giornalista ha dovuto firmare un accordo di riservatezza per impedirgli persino di informare i parenti del suo cliente.

L’Agenzia Belta non ha fornito dettagli sui fatti contro cui è accusato il giornalista.

L’articolo del codice penale in base al quale è stato pronunciato punisce il trasferimento di segreti di Stato a corpi estranei, lo spionaggio o anche la cooperazione con entità straniere con l’obiettivo di minare la sicurezza della Bielorussia.

La 28enne ha usato Andreeva come pseudonimo nel suo lavoro.

È stata arrestata a metà novembre 2020, nel mezzo di uno storico movimento di protesta in Bielorussia contro la rielezione del presidente Alexander Lukashenko, considerata fraudolenta.

È stata arrestata dalla polizia a Minsk durante le riprese di una manifestazione in onore dell’artista Roman Bondarenko, morto tre giorni fa quando la polizia lo ha arrestato.

Era stata accusata di aver organizzato una rivolta, e poi nel febbraio 2021 è stata condannata a due anni di carcere insieme a una delle sue colleghe giornalisti, Daria Chultsova.

READ  L'Iran condanna "fortemente" l'attacco dei talebani afghani al Panjshir

Entrambe le donne hanno lavorato per i media dell’opposizione Belsat, con sede nella vicina Polonia. Nel luglio 2021 Belsat è stato dichiarato “estremista” dalla giustizia bielorussa.

“Sono indignato nel vedere come il regime si stia vendicando di coloro che hanno osato resistere”, ha detto su Twitter la leader dell’opposizione in esilio Svetlana Tikanovskaya. Riteneva che Katerina Pakhvalova fosse stata punita per aver “mostrato al mondo la verità sulla brutalità” delle autorità.

Il regime di Alexander Lukashenko, al potere dal 1994 e con il sostegno del Cremlino, ha sfacciatamente represso il movimento di protesta del 2020 emettendo pene detentive a dozzine di oppositori e giornalisti.

Secondo l’organizzazione non governativa Viasna, che si è presa di mira con la repressione, 1.244 persone sono attualmente incarcerate in Bielorussia per motivi politici.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.