Destino di durata eccezionale

Destino di durata eccezionale

L’attrice, sceneggiatrice e scrittrice Alexia Stacy accompagna i suoi lettori in un viaggio nel mondo dell’opera immaginando il destino dello straordinario tenore nel suo nuovo romanzo, canta domani. Elio Leon, il suo indimenticabile cantante, fuggì dal regime fascista in Italia per trovare il suo destino a Parigi. E anche altrove, perché a metà degli anni Trenta la vita non era facile.

Brillantemente, Alexia Strese immagina il destino di un giovane tenore italiano orfano, nato in una stalla, che fuggì dal regime di Mussolini e finì per incantare la Ville Lumière cantando alla première del suo film. Rigoletto di Verdi.

Elio Leon ha una voce eccezionale, ma i tempi in cui vive non perdonano. Deve sviluppare una personalità forte e potente come la sua voce.

Alexia Stacy, una scrittrice stimolante con una penna brillante, trova l’opera – il teatro, il luogo in cui si svolgono le rappresentazioni – un ambiente molto romantico.

Ha commentato in una delle interviste, dicendo: “C’è ombra, luce, teatro, dietro le quinte, piccoli lavoretti, stelle, verità e maschere”.

“C’è una gerarchia molto forte, il lavoro, il talento, la passione. E ovviamente c’è l’intensità delle emozioni. Ci sono tante cose che fanno moltiplicare questa piccola comunità amplificando le cose che ci abitano, che si muovono, che influenzano i nostri vite. Ho sentito che era un luogo di percezione, per combattere, per combattere contro se stessi.



Immagine gentilmente concessa da Éditions Flammarion

Dove sei

C’è anche un motivo più intimo e biografico: suo nonno era un cantante lirico.

“Era il cantante dell’operetta. In francese, il tenore dell’operetta è diventato un’espressione peggiorativa per parlare di qualcuno che finge un po’ di fare il suo lavoro. Questi sono i tenori che non hanno voci abbastanza forti e distinte per cantano Verdi, e che quindi cantano in maniera del tutto onorevole nell’operetta”.

READ  The final "Jopardi!" The Air Loop

Sua nonna era una pianista, non una concertista, ma un’istruttrice di coro.

“Erano persone assolutamente appassionate della loro arte. C’era sempre musica. Era tutto incredibilmente divertente e, poiché mia madre era una ballerina di danza classica, era più facile per me essere accudita dai miei nonni che erano più sistemati nel teatro dell’opera provinciale.

shock

Così Alexia Stresi è cresciuta tra prove, costumi e arie d’opera.

“Ho vissuto i miei primi anni in questo universo immerso nella gioia, nella musica e nell’amore incondizionato, completamente distaccato da ogni prestigio sociale o aura mondana.”

Poi all’improvviso i suoi nonni morirono quando lei era giovane.

“Per me fu uno choc, una grande perdita, un lutto difficile, e in quel momento l’opera scomparve con loro. L’opera era loro così affezionata, che quando non furono più lì a raccontarmela, mi voltai di distanza, un po’ di umiltà e voglia di non piangere. Ho chiuso quel momento della mia vita”.

Per quasi 40 anni non ascoltò più l’opera.

È fatta. Sono riuscito ad andarci raramente, e l’ho messo a distanza, dove ci si protegge. E poi, quando per caso ho sentito un varietà italiano cantato dal tenore operistico Roberto Alagna, sono rimasto congelato. Scoppio in lacrime pensando tra me: quanto è bello!”

Tutto è stato riaperto.

“Penso di essere pronto per tornare indietro e raccontare una storia che parli della bellezza dei sentimenti che la musica dà a chi la ascolta e del potere che dà a chi la fa.”

  • Alexia Stacy è un’attrice, sceneggiatrice e scrittrice.
  • Ha pubblicato due romanzi con le Edizioni Stock: Episodi (2017, finalista al Prix Goncourt per il romanzo primo e al Grand Prix Madame Figaro) e combatte (2021).
READ  Iniziano le riprese di “FUORI” di Mario Martone

Estratti

Senza lasciare il suo molo di Montebello, ha trascorso i primi giorni lavorando sulla sua voce, circondato da rumori che lo costringevano a spingerlo così tanto. Oh sì, devi davvero timbrare per coprire i clacson, i rumori dei lavori, le urla dei venditori ambulanti, le imprecazioni e l’abbaiare. L’allenamento è fantastico, è perfetto. Di notte cammina in modo diverso e si posiziona sotto l’arco del ponte per giocare con l’eco sonoro. Controlla la rifrazione dei suoni testando i poteri di risonanza. »

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *