L’abbandono dell’Irlanda e il conflitto del Galles nei sei paesi

Questa settimana ci concentreremo principalmente sullo spreco, sull’incoerenza, sulla qualificazione ai Mondiali di rugby e sulla stretta striscia di spazio tra roccia e incudine dove ora risiede il Rugby…

La sfortuna dell’Italia nasconde l’abbandono dell’Irlanda

Presto ci sarà una riflessione più dettagliata sulla mascherata italiana, ma dovrebbero esserci alcuni giocatori irlandesi che sono sollevati di non essere più sotto i riflettori. Ad inizio partita, subito dopo il cartellino rosso che ha visto l’Italia scendere a quota 13, con l’Italia che è scesa a quattro terzini e mezzodiavoli e si è trovata di fronte a cinque yard dalla squadra più difficile da difendere in campo, l’Irlanda ce la faceva ancora’ t creare una sovrapposizione.

Questo, dal team che ha strappato Wells tre settimane fa con un’avanguardia spietata che persino gli spettatori hanno ammesso di aver acquistato occasionalmente modelli in vendita.

“Ci risiamo” ha detto un tifoso irlandese durante la partita (visto al pub, dove tutti sono sempre onesti). “Abbiamo raggiunto la vetta molto presto. Non saremo mai così bravi come lo eravamo contro il Galles adesso”.

Uno scherzo, senza dubbio, ma il sentimento era inconfondibile. L’Irlanda non è riuscita a replicare la propria forma nella partita del Galles contro la Francia e non è riuscita nemmeno a scoprire la gravità che ha portato a questa impressionante caduta. Una squadra irlandese ai suoi tempi aveva un vantaggio di tre cifre sull’Italia, ma domenica precisione, risolutezza e risolutezza erano in gran parte assenti.

Andy Farrell ha parlato di imprecisioni dopo la partita, oltre a dover affrontare una “difesa suicida senza nulla da perdere e le capacità dell’Irlanda sotto pressione” e l’Italia che ha tenuto una presa superba contro ogni previsione, ma la risposta dell’Irlanda contro l’Inghilterra deve essere rapida.

READ  Ascolto TV: 6 milioni di telespettatori per le qualifiche dell'Italia

Entrambe le parti del Galles

I tifosi gallesi che hanno tremato per l’orribile prestazione della loro squadra contro l’Irlanda devono aver avuto paura di una rivincita a Twickenham nel primo tempo. Due zeri in sei metà del rugby non dipingono un quadro salutare.

Tuttavia, la ripresa nel secondo tempo ha rivelato due cose: in primo luogo, il Galles sembra molto in forma fisicamente. Sicuramente sono durati più a lungo dell’Inghilterra, che avrebbe perso se ci fossero stati altri cinque minuti.

In secondo luogo, questa squadra gallese può giocare bene. Non è stato facile contro l’Irlanda, e soprattutto contro la Scozia, ma il secondo tempo di Twickenham avrebbe deliziato tutti i discendenti del Galles che tre settimane fa temevano il peggio.

L’obiettivo dichiarato di Wayne Pivac, e il suo marchio di fabbrica, è creare squadre con velocità, inganno e flessibilità, come dimostra la squadra Scarlets che lo ha spinto al ruolo nazionale. La prossima sfida per questa squadra gallese è farlo per 80 minuti invece dei flash.

Ma se questa squadra riesce a combinare la seconda metà di questa partita contro l’Inghilterra con quel tipo di solida prestazione in casa contro la Scozia, la quarta partita di un potenziale Grande Slam in Francia potrebbe essere più sconvolgente di quanto alcuni pensino.

Ripercussioni dell’uscita della Russia dai Mondiali

Nel frattempo, sotto il Sei Nazioni, c’è un problema in arrivo nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby.

Sospendere la Russia dall’iscrizione ai Mondiali di rugby, e quindi ai Mondiali, è la cosa giusta da fare, ma i russi hanno ancora tre partite di qualificazione da giocare, oltre a negare un punto in più alla Georgia e sconfiggere la Romania l’anno scorso. . Non c’è differenza nelle fortune della Russia. Sono stati quasi eliminati.

READ  Come il mazzo dei Tarocchi è diventato un essere divino

Per la Georgia, probabilmente non importerà a meno che qualcosa non vada storto, ma la Romania, che è stata travolta dalla Spagna nel fine settimana e non ha ancora affrontato la Georgia, potrebbe recuperare quei punti. Era naturale che il Portogallo affrontasse la Russia prima della fine delle qualificazioni, mentre la partita Spagna-Portogallo tra due settimane si preannuncia come una finale tutto o niente.

Urge chiarire cosa sta succedendo nel programma di queste partite della Russia che sono state giocate e non ancora giocate. Al momento, la tabella recita: 1. Georgia P7, 31 punti, 2. Spagna P8, 25, 3. Romania P8, 22, 4. Portogallo P8, 21.

Ma supponendo che ogni squadra ottenga un punto extra non sorprendente per le partite contro la Russia, sia retrospettivamente che in avanti, la tabella dice: Georgia P8, 36 (qualificate), 2. Romania P8, 27, 3. Portogallo, P9, 27, 4 Spagna P8 , 26.

Le due migliori squadre si qualificano e la terza va ai playoff. Nel fine settimana, 12 marzo, la Romania ospita la Georgia e il Portogallo è a Madrid.

Le regole del rugby non sono mai state così stupide

Se c’è stato un episodio che ha mostrato come il rugby faccia fatica ad affrontare lo stress della commozione cerebrale e l’accumulo di mammut ben addestrati nella mischia, questo è il disastro dell’Italia.

Il testo della legge è stato applicato e di conseguenza la squadra è rimasta con 13 uomini dopo un intervento intempestivo e un altro infortunio a fine stagione. Nel frattempo, il giorno prima a Twickenham, chiunque avesse l’autorizzazione medica sembrava distogliere lo sguardo mentre Thomas Francis tornava in battaglia. L’unico argomento che si poteva addurre a suo favore era che il giudizio spesso impiegava così tanto tempo per l’installazione di cisti dentali che Francis aveva tutto il tempo per riprendersi da una commozione cerebrale.

READ  Passaporto sanitario esteso a tutti i luoghi di lavoro in Italia

L’attenzione alla sicurezza dei giocatori, soprattutto in prima fila, fa sì che l’Italia sia rimasta indietro in una terribile situazione burocratica. Ma la sicurezza prima di tutto, la maggior parte delle volte comunque.

Tuttavia, il rugby deve anche conquistare il pubblico e lo spettacolo di una squadra più forte che sconfigge una squadra più debole ancora debole dalla stessa burocrazia è stato molto difficile come spettacolo per promuovere lo sport. Immagina cosa accadrebbe in una situazione simile nella prossima Coppa del Mondo se, diciamo, 13 giocatori uruguaiani per un’ora contro il Sud Africa.

Non che ci sia una soluzione ovvia, ma questa è la difficile situazione in cui si trova il rugby in questo momento, intrappolato tra la necessità di intrattenere i fan e abbastanza sicurezza per consentire ai bambini di continuare a giocare. Non è desiderabile.

Per saperne di più: GALLES: Alon Wayne Jones si unisce al Sei Nazioni mentre la riabilitazione della spalla continua

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.