BRICS+ alla fine non abbatterà l’Occidente

BRICS+ alla fine non abbatterà l’Occidente

Ad agosto, altri sei paesi – Argentina, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Etiopia e Iran – hanno deciso di aderire ai BRICS entro il 2024, da qui il termine BRICS Plus. (Immagine: Shutterstock)

Analisi geopolitica. Dal 1945, il declino degli Stati Uniti e dell’Occidente è stato più volte previsto erroneamente. Negli anni ’50, l’ex Unione Sovietica fu costretta a “seppellire” il capitalismo. Negli anni ’80 gli analisti affermavano che un giorno l’economia giapponese avrebbe superato quella degli Stati Uniti. Negli anni 2000 lo slogan era che la Cina sarebbe diventata la principale potenza economica. Oggi è il gruppo BRICS+ che sarà destinato a rimodellare l’ordine internazionale.

Il gruppo BRICS, fondato nel 2009, comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, che si sono uniti nel 2010. Ad agosto, altri sei paesi – Argentina, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Etiopia e Iran – hanno accettato di l’accordo. Unirsi ai BRICS entro il 2024Da qui il termine BRICS Plus.

Tuttavia, si consiglia cautela con questo tipo di previsioni BRICS Plus per non soccombere al “sapore del mese” geopolitico, perché gli analisti si sono sbagliati il ​​più delle volte in passato:

  • “Ciò non si limitava all’ex Unione Sovietica e al comunismo”. “Il capitalismo è stato sepolto (come affermò il leader Nikita Krusciov nel 1956), ma è crollato all’inizio degli anni ’90 – almeno in Europa, per il comunismo.
  • L’economia giapponese non ha mai sovraperformato quella americana. Dallo scoppio della bolla immobiliare giapponese nel 1990, l’economia giapponese ha ristagnato o è rimasta relativamente stagnante, oltre a diventare l’ombra di se stessa.
  • E aziende come Goldman Sachs, che ha affermato che la Cina supererà gli Stati Uniti per diventare l’economia principale del mondo entro il 2020, stanno ora posticipando tale scadenza. Alcune aziende, come Capital Economics, sostengono addirittura che ciò non accadrà mai perché la Cina ha troppi problemi.

Naturalmente, una lettura insufficiente della situazione BRICS Plus non ha alcun impatto reale nel breve e medio termine sulle aziende canadesi attive sui mercati internazionali.

D’altro canto, a lungo termine, per esempio su un periodo compreso tra 10 e 25 anni, sopravvalutare l’impatto dell’espansione dei BRICS sull’economia e sulle relazioni internazionali può portare a decisioni sbagliate.

Ad esempio, voltare le spalle ad alcuni mercati promettenti nella regione dell’Indo-Pacifico con il pretesto che l’atteso aumento dei BRICS+ porterà a un declino della democrazia e dello stato di diritto in alcune regioni del mondo.

Metà della popolazione e un terzo del Pil

L’obiettivo dei BRICS+ è quello di dare una voce più forte al Sud del mondo – un gruppo eterogeneo di paesi non allineati – ed esercitare così una maggiore influenza sulla scena globale, che è ancora dominata dagli Stati Uniti e dall’Occidente. In breve, contribuire alla creazione di un nuovo ordine internazionale multipolare in cui gli occidentali sono semplicemente i soggetti interessati a “governare” il mondo.

È difficile opporsi a questo principio di una governance più collettiva del mondo, finché ciò non si traduce in un declino dei diritti umani e della democrazia sul pianeta.

Una cosa è certa: gli Stati membri del BRICS+ hanno un grande peso sulla scena internazionale.

Unendo Argentina, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Etiopia e Iran, il gruppo ospiterà il 46% della popolazione mondiale e rappresenterà anche poco più di un terzo del PIL mondiale, secondo il quotidiano francese. il mondo.

Per mettere le cose in prospettiva, quello che chiamiamo Occidente (sostanzialmente Canada, Stati Uniti, Unione Europea, Regno Unito, Svizzera, Norvegia, Islanda, Australia e Nuova Zelanda) rappresenta circa il 10% della popolazione mondiale, ma quasi la metà del Pil del pianeta, secondo i dati del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale.

In breve, il gruppo BRICS Plus ha un peso demografico, mentre l’Occidente ha un peso economico.

Debolezze strutturali nei BRICS Plus

Nonostante la loro influenza, i paesi BRICS non hanno – almeno per ora – la coesione di cui possono godere i paesi occidentali grazie alle organizzazioni e ai trattati che li uniscono, che sono garanzie di potere e influenza.

Rivista britannica Notizie di Stato Fornisce alcuni esempi.

  • BRICS+ non ha un accordo regionale di libero scambio come l’ALSAccordo Canada-Stati Uniti-Messico (Asia).
  • BRICS PLUS non ha un’alleanza militare come l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO).

Potremmo aggiungere che i paesi occidentali hanno anche la caratteristica di essere democrazie liberali, dove lo stato di diritto e la libertà di stampa sono solitamente la norma.

Tuttavia, potrebbero esserci delle eccezioni in paesi come la Polonia o l’Ungheria, due stati membri dell’UE governati da un’estrema destra illiberale.

D’altro canto, i paesi BRICS plus non mostrano tale coesione politica e culturale.

Ad esempio, India, Brasile, Argentina e Sud Africa sono democrazie, mentre gli altri paesi sono autocrazie o dittature.

C’è un altro fattore da considerare all’interno dei confini dei BRICS+: il declino demografico della Cina finirà per indebolire sempre più il suo potenziale economico, e quindi la sua influenza politica e militare.

Tuttavia, la Cina è vista come il leader del gruppo.

Secondo due organizzazioni cinesi, la popolazione cinese diminuirà di centinaia di milioni entro il 2100. (Foto: Getty Images)

La popolazione cinese diminuirà nel 21° secolo

Un fatto poco noto è che la popolazione cinese di 1,4 miliardi di persone inizierà a diminuire nel 2022.

Di seguito due previsioni che danno un’idea della portata di questo fenomeno.

Le Nazioni Unite prevedono che la popolazione cinese scenderà a 767 milioni entro il 2100. L’Accademia delle scienze sociali di Shanghai, da parte sua, prevede uno scenario più grave, con un calo a 587 milioni.

Secondo le Nazioni Unite, invece, nel 2100 la popolazione degli Stati Uniti dovrebbe raggiungere i 394 milioni di persone (332 milioni oggi).

Infine, dobbiamo tenere conto di due ultimi elementi per comprendere che i BRICS+ non sono destinati a declassare gli Stati Uniti e l’Occidente nel prossimo futuro.

Da un lato l’India, l’altro gigante economico e demografico mondiale, non è ostile all’Occidente, anche se, ad esempio, questo paese assume una posizione neutrale rispetto al conflitto in Ucraina – e acquista addirittura petrolio russo.

L’India fa parte del Quadrilateral Security Dialogue, un’alleanza formata da Stati Uniti, India, Giappone e Australia. Fondato nel 2007, mira a contenere l’ascesa della Cina per garantire stabilità nella regione dell’Indo-Pacifico, una vasta regione che comprende gli oceani Indiano e Pacifico.

Chi controlla gli oceani controlla il mondo

D’altro canto, gli Stati Uniti – una potenza economica, politica, culturale, tecnologica, militare e demografica – controllano e continueranno a controllare gli oceani Pacifico e Atlantico nel prossimo futuro, in particolare attraverso i loro alleati in Europa e in India. Regione del Pacifico. , tra cui Corea del Sud, Giappone, Australia e India.

Tuttavia, il potere che controlla questi due oceani può controllare l’economia internazionale, afferma George Friedman, autore di… I prossimi 100 anni: una sceneggiatura per il 21° secolo (Edizioni ZLD, 2013) e fondatore della società di analisi geopolitica e business intelligence Stratfor.

L’ascesa dei BRICS+ sarà la tendenza che costruirà il nostro secolo a livello geopolitico.

L’Occidente deve imparare a condividere più potere e influenza nel mondo e a tenere maggiormente conto della diversità umana.

Ripetiamo che questa è una buona cosa.

Tuttavia, gli analisti che si aspettano o vogliono un declassamento degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali sulla scena globale rischiano di rimanere delusi.

L’Occidente dovrebbe rimanere il principale centro di potere e influenza nel mondo per molto tempo a venire.

READ  La vita da sogno di uno stilista italiano su un'isola della Cina orientale

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *