+ 30% a energia, burro, uova, zucchero, farina… Un campanello d’allarme per fornai e pasticceri

Poche ore prima di Capodanno, il dolce profumo della prima Galette de Roi che celebra l’Epifania all’inizio di gennaio riempie il suo negozio nel 15° arrondissement di Parigi, sempre pieno. Tuttavia, il morale del fornaio non sembra buono. Davanti al ministro dell’Artigianato e delle Piccole e Medie Imprese Olivia Gregoire, venuto a trovarlo venerdì, prova a contare le bollette che dice di faticare a pagare.

Per le materie prime “siamo praticamente sopra il 30% ovunque”: “Le uova sono aumentate per l’influenza aviaria, sono aumentate anche le mandorle, il burro ha preso quasi il 30%, la farina per la guerra in Ucraina, lo zucchero, anche gli imballaggi di carta e cartone, il ghiaccio on La torta è energia: la mia bolletta mensile di 3.200 euro tasse incluse è salita a quasi 16.000 euro a fine anno, moltiplicata per cinque.

“Soprattutto le torte”

Di conseguenza, Martin ha aumentato i prezzi di pane e dolci di “circa il 10% all’inizio di novembre”, mantenendo la tradizionale baguette a 1,20 euro. “Non posso far passare tutto”, dice il fornaio sui prezzi, “non puoi vendere una baguette a 2 euro!” Eppure la sua attività deve sopravvivere: «Se il fondo naufraga, non abbiamo più niente, abbiamo solo le rate del mutuo», dice, spinto dal fornaio, che dà lavoro a decine di dipendenti.

«I prezzi stanno salendo, soprattutto sulle torte», assicura Olivier Rastel, residente nel 15° arrondissement e cliente del panificio, che stima gli aumenti al “10 o 15%”, “molto più del 6% che ci è stato detto su TV”, ma Chi vuole continuare a “accontentare” bambini e amici.

READ  Rafforzare la cooperazione transfrontaliera tra le camere consolari di (...]

In questo quartiere benestante, i clienti mostrano la loro comprensione. Agatha, una turista italiana che non fa il cognome, sorride mentre paga i dolci: “In Italia abbiamo la stessa situazione”. E aggiunge: “Il pane è essenziale per tutti, ma siamo in una situazione anomala, e dobbiamo credere che la situazione degli altri sia peggiore della nostra, in Ucraina per esempio”.

Antiurto

Il fornaio si rende anche conto che questa inflazione va oltre i confini francesi. “Ho un operaio il cui padre è fornaio in Belgio” dove non c’è lo scudo doganale, “la bolletta della luce è sei o otto volte”.

Il ministro ha respinto il previsto piano da 12 miliardi di euro pubblicato dallo Stato per aiutare le imprese, compresi i panifici, a far fronte agli aumenti dei prezzi dell’energia nel 2023, anche se lo scudo aggregato del 2022 non è più praticabile.

Stima che gli “ammortizzatori e contatori speciali” posizionati “coprirebbero il 38% dell’aumento e il 25% della bolletta energetica” per questo fornaio.

“aiuto flusso di cassa”?

A fine gennaio, l’ammortizzatore annunciato consentirà alle aziende di sottrarre automaticamente il “15%” dalla bolletta elettrica per tutto il 2023, spuntando la casella “Sono una PMI” sulla fattura inviata dal fornitore, spiega Gregoire .

E se l’energia rappresenta più del 3% del fatturato, lo sportello di assistenza individuale è fornito dal fisco (impots.gouv.fr), in particolare dai fornai che, come Martin, hanno dovuto firmare nuovi contratti energetici a prezzi vantaggiosi . sono esploso.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.