Vivendi inizia una nuova battaglia in Italia

Vivendi inizia una nuova battaglia in Italia

L’operazione potrebbe valere 19 miliardi di euro. Alessandro Bianchi/REUTERS

DECRITRAZIONE – Maggiore azionista di Telecom Italia, il gruppo contesta la vendita della rete fissa dell’operatore al fondo KKR.

Roma

Una svolta storica per le telecomunicazioni italiane. Annunciata in occasione della presentazione del piano industriale di luglio 2022, la cessione della rete fissa di Telecom Italia (TIM) ha appena superato un traguardo fondamentale. Dopo tre giorni di riunione, il consiglio di amministrazione di TIM ha votato, con la maggioranza di 11 consiglieri sui 14 presenti, la cessione della rete fissa al fondo americano KKR. E questo, per poco più di 19 miliardi di euro, che potrebbero salire a 22 miliardi in caso di fusione con la rete concorrente Open Fiber.

Se l’operazione verrà portata a termine, sarà il primo operatore storico europeo a separarsi dalla propria rete, troppo onerosa in investimenti. UN “decisione storica”, in discussione da anni, ha accolto con favore il suo direttore generale, Pietro Labriola, che dovrebbe consentire a TIM di uscire dal debito (debito ridotto da 20,6 miliardi a 6,6 miliardi di euro) con la metà dei dipendenti (20.000). E, così facendo, ripartire su nuove basi rifocalizzandosi sui servizi…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Ti resta il 77% da scoprire.

Vuoi leggere di più?

Sblocca immediatamente tutti gli oggetti.

Già iscritto? Login

READ  Mourinho: "Ronaldo dovrebbe lasciare l'Italia ora e lasciarmi in pace"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *