Venezia, i suoi cani, i suoi segreti e le sue “spie”

“nido di spie”

Mentre OSS 117 torna al cinema, “l’Obs” vi propone un viaggio nel mondo dei servizi segreti in cinque fasi: Istanbul, Vienna, Tangeri, Berlino e Venezia.

Credi di sapere tutto sulle meravigliose specialità di Venezia, i suoi canali, il suo carnevale, Piazza San Marco, il suo turismo di massa e tutto ciò che ne deriva, le vere finte gondole a 1000 euro la mezz’ora e le vili navi da crociera. Che chiude la vista sul Canal Grande. Spesso dimentichiamo ciò che da secoli contraddistingue la Serenissima: il culto dei segreti e quindi delle spie. Tuttavia, ha origini lontane ed è il risultato di due caratteristiche principali della storia della città.

File – Più di 5 nidi di spionaggio rubati

Il primo è dovuto alla creazione di un apparato statale così spietato che raramente ne abbiamo un’idea. Sin dall’alto medioevo la città lacustre è una repubblica aristocratica, retta da un doge nominato da un’oligarchia gelosa del suo status e dei suoi privilegi. All’inizio del quattordicesimoNS secolo, due trame successive per stabilire dittature personali minacciano l’ordine. Per consolidarlo, gli oligarchi crearono il “Consiglio dei Dieci”, un corpo enorme. Il suo compito è mantenere la “sicurezza dello stato” a tutti i costi, cioè preservare la situazione. Tutto è buono da raggiungere.

Bocche di denuncia sono sparse per la città

Inizia con l’osservazione generale di

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *