Un italiano muore schiacciato sotto migliaia di forme di formaggio

Un italiano muore schiacciato sotto migliaia di forme di formaggio

Un produttore di formaggio italiano è morto domenica sera in Lombardia (nord) a causa della caduta di forme da un ripiano rotto, che hanno portato alla caduta di migliaia di forme, ciascuna del peso di circa quaranta chilogrammi, provocando un effetto domino, secondo quanto abbiamo imparato lunedì. Dei vigili del fuoco.

• Leggi anche: Italiano in fuga da 11 anni, è stato tradito in Grecia a causa della sua passione per il calcio

• Leggi anche: Secondo quanto riferito, i turisti hanno fatto cadere una statua di 150 anni in Italia

“Abbiamo dovuto spostare il formaggio e gli scaffali a mano. Ci sono volute circa 12 ore per trovare la vittima lunedì mattina”, ha detto all’AFP Antonio Dosi, funzionario dei vigili del fuoco della città di Bergamo, sottolineando la natura “complicata” del loro intervento.

Il magazzino, situato nel piccolo comune di Romano di Lombardia a sud di Bergamo, contiene un totale di 25.000 forme di formaggio immagazzinate su scaffalature metalliche alte circa dieci metri. Caddero a migliaia, uccidendo il titolare dell’azienda, Giacomo Chiaparini, 74 anni, che lavorava all’interno del magazzino.

I servizi di emergenza sono stati allertati dai familiari della vittima, a causa del rumore causato dalla caduta delle forme di formaggio intorno alle 21:00, ora locale, di domenica.

Secondo il quotidiano Corriere della SeraLa vittima era sola nel magazzino, che doveva ospitare le ruote durante il periodo di raffinazione e dove veniva a controllare il robot che le gira e le pulisce automaticamente.

Il formaggio prodotto da questa azienda è il Grana Padano, simile al Parmigiano e molto diffuso nella penisola.

READ  La pizza napoletana originale in Quebec

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *