Turchia e Unione Europea: gli europei sono pronti per l’unificazione, non ‘passando la spugna’

Temendo le ripercussioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, gli europei giovedì fisseranno le condizioni per il suo inviato Mevlut Cavusoglu per normalizzare i rapporti con la Turchia e segnalare il loro rifiuto di passare la spugna sulle azioni “aggressive” di Ankara. .

Giovedì pomeriggio il ministro degli Esteri turco incontrerà il capo della diplomazia europea spagnola Josep Borrell. Venerdì sarà ricevuto dal presidente del Consiglio europeo belga, Charles Michel, e dal segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg. Gli europei hanno preso atto del desiderio del presidente turco di calmare i rapporti tesi con l’Unione europea. Lunedì, Peter Stano, portavoce di Josep Borrell, si è detto preoccupato per “dichiarazioni di intenti” e voleva “fatti e azioni concrete”.

“Speriamo tutti che le parole del presidente turco si trasformino rapidamente in azioni concrete e durature che dimostrino la sua vera buona volontà nei confronti dell’Unione europea”, ha detto ad AFP Jean Asselborn, capo diplomatico in Lussemburgo. . Ha avvertito che “nessuno intende passare attraverso la spugna”. Ha detto: “L’Unione europea resta determinata a difendere i suoi interessi e quelli dei suoi Stati membri, nonché a mantenere la stabilità regionale”.

Due mesi per convincere

Le aree di tensione erano diverse: disaccordi con Grecia e Cipro, interferenza di Ankara nei conflitti in Siria, Libia e Nagorno Karabakh, disaccordi con Parigi, violazioni dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite contro la Libia e operazioni militari aggressive nel Mediterraneo orientale. I leader europei hanno contattato il presidente Erdoan nel luglio 2020, ma lui ha rifiutato. E a dicembre hanno deciso di punire Ankara per aver continuato a esplorare unilateralmente per il gas nella zona economica esclusiva di Cipro.

READ  Le ultime notizie di moda locale

Gli europei aggiungeranno nuovi nomi all’elenco che si è aperto nel novembre 2019 e che già comprendeva due leader della Turkish Petroleum Corporation (TPAO), che sono senza visto e i loro beni congelati nell’Unione europea. Jan Asselborn ha detto: “Il lavoro sulla lista è in corso. È complesso ed è troppo presto per commentare il suo risultato, o al momento esatto dei suoi risultati”.

Tuttavia, un diplomatico europeo ha affermato che è possibile presentare un accordo su più nomi in una riunione dei ministri degli esteri il 25 gennaio.

Ankara ha due mesi per convincere il sindacato. Josep Borrell dovrebbe presentare una relazione sulle relazioni politiche, economiche e commerciali tra l’Unione europea e la Turchia e presentare le opzioni per la partecipazione dei leader dell’UE al vertice di marzo. Gli europei non si fidano del presidente turco, che ha preso fuoco negli ultimi mesi. “Resta molto da fare per aprire un dialogo onesto con la Turchia”, ammette Josep Borrell.

Pochette bianca

Ma la marea si è ribaltata sul presidente Erdoan con la perdita del sostegno degli Stati Uniti e l’ascesa al potere di Joe Biden. Inoltre, i “colossali problemi economici” della Turchia non le consentono di recidere i legami con l’Europa, il suo principale partner commerciale.

“La casa sta crollando, perdendo la classe media”, spiega un funzionario europeo. “I turchi mostrano un artiglio bianco”, ha detto un diplomatico anziano. “Ma gli europei aspettano di vedere se questa posizione è sincera e permanente. Gli episodi precedenti li hanno liberati”, ha aggiunto.

La Germania, la principale potenza economica dell’Unione europea, conta sull’appeasement. Il suo ministro degli Esteri, Heiko Maas, lunedì si è recato ad Ankara per accogliere i “segnali positivi” inviati dal presidente turco e “accompagnare” le sue iniziative.

READ  Premier League: il Leeds vuole copiare il gruppo della City Football League

“Con alcuni paesi lo smack funziona. Con la Turchia non funziona”, ha detto l’italiana Nathalie Tucci, direttrice dell’Istituto Affari Internazionali e consigliere di Josep Borrell. “Speriamo in un allentamento permanente delle nostre relazioni con la Turchia al fine di annullare l’estensione delle sanzioni il prossimo marzo”, ha detto Jan Asselborn. Ha ammonito: “Ma è necessario assicurarsi di essere pronti, se non lasciamo altra opzione per l’Unione europea”.

Temendo le ripercussioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, gli europei giovedì fisseranno le condizioni per il suo inviato Mevlut Cavusoglu per normalizzare i rapporti con la Turchia e segnalare il loro rifiuto di passare la spugna sulle azioni “aggressive” di Ankara. Questo pomeriggio, giovedì, il ministro degli Esteri turco si incontrerà a Bruxelles …

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *