Secondo quanto riferito, i vichinghi e i nativi americani si sono incontrati nel Nuovo Mondo

Sutherland sta scrutando sospettosamente la costa, cercando possibili orsi polari. La costa è limpida questa mattina e le meraviglie archeologiche provengono rumorosamente dalle alghe spesse e spugnose che rivestono il terreno. “La valle è piena di verde, piena di torba per la costruzione di edifici”, osserva. «È il più verde della zona. “

Ora ricercatore presso l’Università di Aberdeen, Sutherland sorride mentre contempla la perfezione di questo ambiente. Sotto di essa si estende una baia riparata, porto naturale per una nave vichinga oceanica.

Nella valle, lungo le zone di torba, strati microbici, dall’aspetto oleoso, indicano la presenza del ferro di palude, questo minerale che il fabbro vichingo eccelleva nel suo lavoro.

Con i suoi capelli argentei, la voce sottile e 1,52 metri, fa di Sutherland uno dei capi spedizione più improbabili. Tuttavia, nel sito degli scavi, l’archeologa 63enne è un vero uragano: è la prima ad alzarsi e l’ultima a infilarsi nel sacco a pelo. E nel mezzo, sembra che sia ovunque: gira frittelle, cucina pasti per anziani Inuit, controlla le recinzioni elettriche per gli orsi.

Sutherland non potrebbe essere più determinato. Nel 1999, la sua scoperta sui fili di corda lo ha spinto a tornare nei depositi del Canadian Museum of Civilization.

Cominciai a interessarmi alle cose che altri archeologi avevano scoperto dai campi di caccia nell’Artico. La famiglia Dorset (il loro nome attuale) ha vagato per la costa orientale dell’Artico per circa 2000 anni, fino alla loro misteriosa scomparsa il 14.e secolo.

Dopo aver esaminato centinaia di potenziali creature del Dorset, Sutherland si è imbattuto in altri cavi, provenienti da quattro località principali – Nungovík, Tanfield Valley, Willows Island e Avayalik Islands – sparsi lungo 2.000 chilometri di costa, dall’isola settentrionale di Baffin al nord del Labrador.

READ  7 film italiani da riscoprire su Netflix

Sutherland ha anche notato con stupore che le squadre che lavorano su questi siti avevano trovato molti tronchi lì, nonostante il fatto che il paesaggio fosse costituito da tundra senza alberi. Lo scienziato ha scoperto frammenti di quelli che sembravano bastoncini per contare, che i Vichinghi usavano per registrare le transazioni commerciali, così come fusi, presumibilmente destinati alla filatura delle fibre.

Ho anche notato che alcuni pezzi di legno avevano fori quadrati fatti di chiodi e possibili macchie di ruggine. La datazione al carbonio ne colloca uno nel XIV secoloe secolo, o verso la fine dell’era scandinava in Groenlandia.

Più Sutherland vagliava le antiche popolazioni del Dorset, più provavano i vichinghi che si avvicinavano a queste coste. Esaminando gli strumenti di pietra, ha identificato quasi trenta pietre per affilare scandinave, uno strumento vichingo essenziale.

Ho anche trovato diverse incisioni del Dorset che sembrano facce europee, nasi lunghi, sopracciglia prominenti e forse barbe.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *