Ping Pong. NIAGOL STOYANOV: Non ho scuse

Mentre ha avuto molto successo in passato con il Caen TTC, Niagol Stoyanov ha lottato per diversi mesi. © Aline Châtel

Alla fine della scorsa stagione, la sua scarsa prestazione è stata schiacciante Niagal Stoyanov lasciare Caienna tasse incluse. I leader locali lo hanno favorito Kirill Skakov. In mancanza di visto, il giocatore russo non è arrivato in Normandia e il club di ping pong è caduto sull’italiano. Ma Nyagol Stoyanov continua a non uscirne. Martedì 22 novembre 2022 pensava di poter ottenere il suo primo punto prima di concedere finalmente altre due sconfitte. In assenza di Stéphane Aweich, infortunato alla caviglia, le sue responsabilità rimangono importanti.

Niagol, come hai vissuto la tua falsa partenza al Caen TTC?

Sono contento di non essere pronto per partire. È stato complicato all’inizio del 2022. Ho preso la decisione del club molto male perché pensavo che la mia storia con la squadra fosse tutt’altro che finita. Sono rimasto ancora più deluso visto il modo in cui si è conclusa la scorsa stagione (il Caen ha sfiorato il titolo di Campione di Francia, ndr). Pochi giorni dopo, questa possibilità mi si è aperta. Sono soddisfatto perché ci troviamo molto bene in squadra. So che ora tocca a me mostrarti qualcos’altro. Non ho ancora giocato al mio livello. Non ho scuse. Devo portare qualcosa alla squadra.

È una questione di fiducia per te?

Penso che ci siano un sacco di piccole cose messe insieme che mi mettono in questa situazione in cui non gioco molto bene da molto tempo. Deve aprirsi in qualche modo. Lavoro in tutti i campi. Può succedere in qualsiasi momento. Questo tipo di periodo non mi è mai capitato. Devo trovare la chiave.

READ  Campionato 6 Nazioni 2021 - Campionato 6 Nazioni: la Francia ha battuto il Galles per sopravvivere!

“Fa male agli spettatori”

Cosa hai cambiato di recente?

Molte cose. Cerco di stare un po’ meno sull’Insep (di solito si allena a Parigi, ndr), un po’ di più tra Italia e Caen. Devono esserci alcune persone intorno a me. Ho cambiato il preparatore fisico, ho cambiato il fisiologo. Nel club ci sono persone che mi aiutano. Cerco di tagliare di più, di spezzare il ritmo per migliorarmi. Deve cambiare.

Moralmente, è difficile?

Alla mia età, so che il tennis da tavolo non è al 100% della mia vita. Mi rendo conto che non è male perdere partite di ping. Ma questa è la mia quinta stagione in questo club ed è la prima volta che non riesco a mantenere il mio livello di gioco. La Pro A è un campionato molto duro. Devi accettare che l’avversario è forte.

Sarà anche perché il livello generale è più alto, sei meno efficiente?

Sicuramente e di sicuro devo alzare il mio livello. Con l’introduzione dei playoff molte squadre sono migliorate. Tra il primo e il nono (il penultimo, ndr), è abbastanza stretto. Ogni partita ha il suo valore. Sta a noi, a me in particolare, essere preparati. Faccio di tutto per essere al 100%. La sensazione peggiore per me è che non ho ancora vinto una partita nella nostra nuova sala. Mi fa male, soprattutto a tutti i miei spettatori che mi conoscono da così tanto tempo. Non mi sento a mio agio a non avere la gioia di vincere la partita.

Questo articolo ti è stato utile? Sappi che puoi seguire lo sport a Caen nello spazio notizia . In un click, dopo esserti registrato, troverai tutte le news delle tue città e brand preferiti.

READ  I canadesi sono ancora settimi nella classifica FIFA

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.