MotoGP: Quartararo gioca duro a Portimao

MotoGP: Quartararo gioca duro a Portimao

Fabio Quartararo giocherà alla grande a Portimão domenica nel Gran Premio del Portogallo della MotoGP, e il campione del mondo della MotoGP sta ancora inseguendo la vittoria dopo quattro gare quest’anno.

Il francese è a 17 punti dalla sorprendente leader del campionato italiano, Ina Bastianini (Ducati-Gressini). I suoi risultati sono irregolari poiché è arrivato secondo in Indonesia ma è arrivato settimo nell’ultimo Gran Premio delle Americhe dopo l’ottavo posto in Argentina.

Tuttavia, il cerchio posto ai piedi delle colline dell’Algarve gli si addice bene. Vincitore facile dell’anno scorso, ha in programma di rifarlo anche quest’anno, soprattutto perché la sua Yamaha soffre meno della mancanza di velocità massima su questo circuito con le sue salite e le sue curve.

“A Portimao voglio lottare per il podio e quando sono arrivato qui ad aprile dell’anno scorso ho vinto”, ricorda El Diablo.

“Voglio guidare di nuovo in questo modo, e l’obiettivo è sempre quello di essere il primo e di fare del nostro meglio”, ha detto mentre riferiva al paddock delle tensioni tra lui e il suo team per la mancanza di prestazioni del suo team Yamaha.

Sembra che le moto dei marchi giapponesi siano state interrotte dall’inizio della stagione.

Tre marchi europei hanno dominato la scena della MotoGP per quasi quindici anni e hanno portato il titolo a Casey Stoner (Ducati) nel 2007, vincendo quattro eventi della stagione: due vittorie per la Ducati italiana, una vittoria per l’Aprilia e una per l’austriaca KTM.

Per questa prima gara europea della stagione, KTM può contare sul locale sul palco, Miguel Oliveira, vincitore a Portimão nel 2020 e quest’anno in Indonesia.

READ  I campioni in carica d'Italia sono fuori dal noto tavolo 8

Ma con KTM spesso è tutto o niente, e Oliveira è solo nono nella classifica provvisoria del campionato, dietro al collega sudafricano Brad Bender, 6.

– Il cliente è il re in Ducati –

Dal lato Ducati, il team ufficiale con l’italiano Francesco Bagnaia e l’australiano Jack Miller festeggia un po’ all’inizio della stagione, e il Team Gresini guida il cliente con due successi Bastianini.

Svelato all’inizio dell’anno, il 24enne italiano ha esordito in MotoGP lo scorso anno, conquistando il titolo Moto2 nel 2020. Ha davanti lo spagnolo Alex Rins (Suzuki) di cinque punti in campionato e Alex Espargaro. (aprile) 11 unità.

Con l’apertura della parte europea della stagione, Bastianini ha ammesso giovedì a Portimao che se prevede di avvicinarsi a lui nella prima classifica, non pensa “di raggiungere la vetta per la prima gara europea”. Ma sente che sarà difficile per lui mantenere il comando, dato che il weekend si preannuncia ancora più duro con il vento e anche la pioggia previsti venerdì per le prove libere e sabato per le qualifiche.

Con il suo secondo posto lo scorso anno in Portogallo, Bagnaya vuole recuperare un inizio di stagione difficile, mettendolo 12° in trasferta nel torneo, che ha comunque iniziato come uno dei favoriti.

“Trovo le sensazioni che ho provato sulla mia moto” lo scorso anno, ha confermato Torriñez, sottolineando però che gli mancava la velocità massima nell’ultimo Gran Premio delle Americhe, che è arrivato quinto.

Da parte giapponese, Suzuki sembra armata al meglio con Rins e la connazionale Joanne Mir, campionessa del mondo 2020 e quarta in campionato, con 15 punti di vantaggio su Bastianini. Ma le Blue Machines stanno ancora cercando una vittoria in questa stagione.

READ  Il Milan si assicura la Champions League

Alla Honda, Marc Marquez ha mostrato ad Austin di essere tornato al controllo completo con un’impressionante rimonta dopo una brutta partenza. “L’obiettivo era ripristinare la fiducia, e l’abbiamo fatto”, ha detto giovedì.

Il sei volte iridato ha dovuto saltare il Gran Premio di Indonesia e Argentina dopo essere stato coinvolto in un violento incidente e intende dimostrare di poter ancora vincere.

Portimao è una pista “dove bisogna trovare il ritmo” per essere veloci, afferma il fuoriclasse spagnolo.

Un’altra favorita per la vittoria, Aprilia, che finalmente sembra aver trovato la ricetta per uscire dalle spalle del gruppo con una vittoria dello spagnolo Alex Espargaro per la prima volta in Argentina.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *