Mosca avverte l’Occidente delle ambizioni artiche

Vediamo critiche sul fatto che la Russia stia espandendo la sua attività militare nell’Artico. Ma è stato chiaro a tutti per molto tempo che questa è la nostra terra e la nostra, e abbiamo la responsabilità per la sicurezza della nostra costa, e tutto ciò che facciamo lì è completamente legale e legittimo.Lo ha detto in una conferenza stampa il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov.

Quando la NATO cerca di giustificare il suo attacco nell’Artico, non è la stessa cosa e abbiamo domande per i nostri vicini, come la Norvegia, che stanno cercando di giustificare l’avvento dell’Alleanza nell’Artico., Lui continuò.

L’Artico, le cui vaste risorse sono sempre più accessibili a causa dei cambiamenti climatici, è diventato un Un’area di crescenti tensioni geopoliticheE soprattutto tra Mosca e Washington, che sono alleate dei paesi scandinavi.

Esercitazioni militari

I due campi hanno intensificato le manovre militari lì negli ultimi mesi, poiché gli Stati Uniti hanno inviato bombardieri in Norvegia tramite la NATO, mentre Mosca ha condotto lì grandi esercitazioni navali e aeree.

I commenti di Lavrov sono arrivati ​​due giorni prima della riunione del Consiglio artico a Reykjavik, che dal 1996 comprende Russia, Stati Uniti, Canada, Danimarca, Svezia, Finlandia, Norvegia e Islanda.

Il capo della diplomazia statunitense, Anthony Blinken, è previsto per il primo incontro lì, Sergey Lavrov, in vista di un possibile vertice tra Joe Biden e Vladimir Putin a giugno, mentre le relazioni tra i due paesi sono danneggiate.

In precedenza, lunedì durante la sua visita in Danimarca, Blinken ha accolto con favore un piano di investimenti a Copenaghen, del valore di 200 milioni di euro (circa 293 miliardi di dollari canadesi), volto a rafforzare la sorveglianza militare in Groenlandia e nel Nord Atlantico.

READ  I sostenitori dell'avversario russo Navalny arrestati davanti alla sua prigione

Mosca chiede riunioni del personale

In questo contesto, il Sig. Lavrov ha chiesto la ripresa degli incontri periodici tra i Capi di Stato Maggiore degli Stati Membri del Consiglio al fine di: Ridurre i rischi militari. Le riunioni sono state sospese dal 2014.

Avrebbe perfettamente senso ricreare queste relazioni tra soldati che si capiscono meglio dei politici. Anche se questa misura confermasse un ritorno alla guerra fredda, sarebbe comunque un passo avanti in questa situazione.

Citazione da:Fyodor Lukyanov, caporedattore della rivista La Russia negli affari mondiali

La Russia ha costantemente aumentato la sua posizione militare nell’Artico negli ultimi anni, riaprendo e modernizzando molte basi e aeroporti che erano stati abbandonati dalla fine dell’era sovietica. Lì ha anche schierato l’ultimo sistema di difesa aerea S-400.

A marzo ha intensificato le sue manovre nella regione, Compresi i sottomarini, Simula la distruzione degli aerei, fai rifornimento in volo e neutralizza gli attacchi dei droni.

A febbraio gli Stati Uniti hanno inviato bombardieri strategici per l’addestramento in Norvegia e l’anno scorso hanno schierato navi nel mare di Barents, nella zona economica esclusiva della Russia, provocando le proteste di Mosca, che considera quest’area un prato.

Rivalità del Canale di Suez

Oltre a questa dimensione militare, il presidente Vladimir Putin ha reso lo sfruttamento economico dell’Artico una priorità strategica, in particolare sviluppando il corridoio marittimo lungo le coste settentrionali della Russia per collegare l’Europa con l’Asia e competere con il Canale di Suez.

Questo percorso, che sta diventando più pratico a causa del riscaldamento globale e dello scioglimento dei ghiacci, è destinato a svolgere un ruolo crescente nel commercio internazionale.

READ  38 giorni in modalità sopravvivenza Amazon

Le risorse naturali della regione – minerali, petrolio e gas – potrebbero diventare più accessibili con l’aumento delle temperature e suscitare l’avidità.

Nel 2019 è stata lanciata Mosca La prima centrale nucleare galleggiante Dal mondo, Akademik Lomonosov, mira a facilitare lo sviluppo economico nell’Artico e fornire piattaforme petrolifere.

Il capo di stato maggiore dell’aeronautica russa, Igor Churkin, ha visitato lunedì la base aerea di Nagorsky, nell’arcipelago Francois Joseph, nell’estremo nord della Russia. Le agenzie di stampa russe lo hanno citato per confermare che la pista rinnovata per questo aeroporto può ora ospitare bombardieri strategici.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *