I sostenitori dell’avversario russo Navalny arrestati davanti alla sua prigione

(Pokrov) La polizia russa ha arrestato martedì davanti alla sua colonia penale dove si erano recati per chiedere informazioni sulle condizioni dell’avversario, i pazienti e gli scioperanti della fame, dozzine di sostenitori di Alexei Navalny, compresi i medici.




Ekaterina Anisimova
France Media

Preoccupato per la salute del principale critico del Cremlino, che secondo il suo avvocato ha perso cinque chilogrammi da quando ha smesso di mangiare il 31 marzo, i suoi sostenitori sono stati ritrovati a fine mattinata davanti al Campo n. 2 a Pokrov, 100 km a est di Mosca.

Hanno chiesto di vedere il suo manager e gli incaricati del monitoraggio della salute del signor Navalny, poiché quest’ultimo ha detto che aveva febbre, tosse grave e mal di schiena.

Non sorprende che le autorità non abbiano accolto la loro richiesta.

FOTO PAVEL GOLOVKIN, Associated Press

Tre camion della polizia sono arrivati ​​a metà pomeriggio per interrogare i manifestanti, tra cui il medico e l’alleato di Alexei Navalny, l’attivista dell’opposizione Anastasia Vasilieva.

A metà pomeriggio, tre camion della polizia sono arrivati ​​a metà pomeriggio per interrogare i manifestanti, tra cui il medico e l’alleato di Alexei Navalny, l’attivista dell’opposizione Anastasia Vasilieva.

Decine di agenti di polizia sui camion hanno portato medici in camice bianco e altri, tra cui almeno un giornalista, corrispondente della CNN in Russia. La polizia locale ha dichiarato che nove persone sono state arrestate con l’accusa di “disturbo dell’ordine pubblico”.

In serata, mio Vasilieva è stata rilasciata, secondo la sua squadra.

Il giornalista arrestato ha anche annunciato su Twitter di essere stato rilasciato poche ore dopo il suo arresto.

READ  George W. Bush difende l'immigrazione

Secondo le informazioni del notiziario pro-Cremlino, Isvestia, lunedì sera, il signor Navalny è stato trasferito in un’unità medica dopo che le sue condizioni sono peggiorate, che è l’inizio di febbre e tosse.

Tuttavia, non è stata rilasciata alcuna conferma ufficiale.

Secondo l’avvocato del signor Navalny, Olga Mikhailova, la prigione ha un solo medico organizzato e non c’è nessun medico. Lunedì ha detto che il suo cliente pesava 80 chilogrammi, rispetto ai 93 quando è arrivato in questa prigione e agli 85 all’inizio dello sciopero della fame.

‘Condizioni antigeniche e tubercolosi’

Crescono le preoccupazioni per l’attivista anti-corruzione di 44 anni che è riuscito a malapena a sfuggire all’avvelenamento da gas nervino di Novichok l’anno scorso che lo ha fatto precipitare in coma. Accusa il Cremlino, che nega la sua responsabilità.

È tornato in Russia a gennaio dopo cinque mesi di convalescenza in Germania, ed è stato immediatamente arrestato e condannato a due anni e mezzo di prigione per un vecchio caso di frode che considera politico.

Sin dal suo arrivo alla prigione di Pokrov, che si dice sia una delle prigioni più dure in Russia, le sue guardie sono state accusate di “torturarlo”, soprattutto di privazione del sonno.

Alexeï Navalny parla regolarmente sui social senza sapere come escono di prigione i suoi messaggi. Così, lunedì, ha detto che un detenuto della sua caserma era stato ricoverato in ospedale per tubercolosi, il terzo in poche settimane.

Ha scritto: “Ogni prigioniero prega Dio di non finire qui, perché l’interno è malsano, la tubercolosi e la mancanza di medicine”.

Dal suo ritorno in Russia, i suoi sostenitori hanno dovuto affrontare una repressione crescente.

READ  Misterioso Mitch McConnell | Radio-Canada.ca

Prima del suo arresto martedì, Anastasia Vasilieva, direttrice di Doctors Alliance, un sindacato vicino all’opposizione e alla portata delle autorità, ha detto di voler “capire cosa stava succedendo” a Camp Pokrov.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha stabilito che il signor Navalny non dovrebbe beneficiare di “circostanze speciali”, come i servizi carcerari hanno confermato alla fine di marzo che stava ricevendo “tutta l’assistenza medica necessaria”.

La moglie, Julia Navalna, ha postato su Instagram un messaggio del direttore della colonia carceraria in cui scriveva che l’avversario non poteva essere portato in ospedale perché l’amministrazione carceraria non aveva i suoi documenti di identità.

“Caro direttore, non dimenticare che se il peggio accade ad Alessio, la sua morte colpirà la tua coscienza e la coscienza di Putin”, ha detto in un commento. il cappello “.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *