Louise Dubin, Per l’uguaglianza di genere nell’Illuminismo

L’Illuminismo non mancò certo di donne filosofe. Emilie de Chatelet (1706-1749) traduce e spiega Newton mentre medita sulla felicità. Madame de Devand (1696-1780) mantiene un’abbondante corrispondenza con i più grandi pensatori. Louise d’Epinay (1726-1783) gareggiò con Rousseau nell’invenzione educativa in Emilia parla (1774). Olimpo di Gouges (1748-1793) Distinguiti in difesa dei diritti delle donne. Tra tanti altri intellettuali, solitari o socievoli. In questa costellazione, sempre meglio esplorata, c’è una stella semi-dimenticata che sta per rinascere.

Centro di reputazione

Louise Dubin (1706-1799) non è estranea. storici del Settecentoe Menzionati nel secolo in relazione a salotti, costumi e movimenti di idee, dove svolgono un ruolo strategico. Figlia della famosa attrice del suo tempo, Manon Ducourt, e del grande banchiere Samuel Bernard, Louise ricevette la migliore educazione possibile. È cresciuta come una ragazza spiritosa, splendente di mille luci. L’immensa ricchezza acquisita dal marito, Claude Dupin, divenuto generale contadino, le permise di dividere il suo tempo tra i luoghi più belli di Parigi, l’Hotel Lambert, sull’Ile Saint-Louis, e il Castello di Chenonceau, il suo secondo casa.

Il suo segretario privato è un giovane talentuoso che cerca di farsi conoscere: Jean-Jacques Rousseau

Ricca, bella, scientifica, con uno spirito acuto, esercitò un’influenza segreta ma reale sulla vita intellettuale dell’epoca. Il suo soggiorno accoglie Marivaux, Condillac, Montesquieu e Grimm. La sua tavola riunisce Buffon, Fontenelle e Voltaire. Il suo segretario privato, per circa dieci anni, è stato un giovane talentuoso che cercava di farsi conoscere – Jean-Jacques Rousseau, che lo ha aiutato nelle sue ricerche.

In effetti, Louise Dubin non era solo un fulcro di reputazione e una sorridente sacerdotessa degli eventi sociali. Ha lavorato a lungo e con insistenza su un grande progetto, sia filosofico che storico: una storia generale delle donne, il loro posto nella società e nell’immaginario collettivo. Questa somma enciclopedica mira a stabilire la piena uguaglianza naturale che esiste tra donne e uomini, al fine di delegittimare un dominio maschile abusivo, infondato e insostenibile. Questo nonostante il fatto che gli uomini dell’Illuminismo fossero, per la maggior parte, molto lontani dal sostenere tali posizioni.

READ  Dovremmo continuare a piantare alberi?

Illusioni e pregiudizi

Hai ancora il 42,55% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.