Contro la scienza, i miti razziali sono crudeli

Credere nella differenza scritta naturalmente Tra alcune popolazioni è uno degli strumenti più collaudati nell’arsenale politico. Nel loro tentativo di una definizione etnica del tedesco, i nazisti raggiunsero una forma di esclusione razziale. E non è solo la storia che abbiamo cercato di usare per sottolineare le differenze tra i popoli. Almeno, la biologia e l’archeologia sono state usate per promuovere le persone che sono naturalmente migliori degli altri.

Nel tempo, queste storie possono arrivare al punto di fondersi nell’identità in modi sottili e sottili e persino di corrispondere alla nostra visione di noi stessi. Possono creare uno specchio distorto delle differenze umane per noi e anche per i ricercatori moderni.

La storia della razza ci ricorda che la scienza non è solo una raccolta di teorie e dati; Questi sono anche i fatti che mettiamo nelle storie che ci raccontiamo sulle mutazioni umane. Naturalisti e studiosi dell’Illuminismo decisero una volta che gli esseri umani sarebbero stati divisi in gruppi, come le specie animali, prima che i confini di queste categorie fossero fissati arbitrariamente. Hanno associato il significato al colore della pelle con l’aiuto di stereotipi culturali legati all’umore, all’intelligenza e al comportamento. Queste idee pseudoscientifiche finirono per plasmare ciò che la medicina occidentale avrebbe dovuto essere per secoli. Erano la base del programma di purificazione eugenetica nazista e dell’Olocausto.

Sebbene siano passati almeno 70 anni da quando abbiamo appreso che la razza consente indubbiamente la costruzione sociale e che i pensatori del XVIII secoloNS Sbagliati nei loro pregiudizi, molti scienziati immaginano che la razza abbia una realtà biologica. Questa storia è così saldamente radicata che anche quando è stata dimostrata l’indivisibilità genetica della razza umana, alcuni ricercatori hanno lottato per liberarsene. Il discorso antico è diventato un posto molto importante nella loro immaginazione.

READ  Una nuova classe di laureati in Servizio sociale presso l'Appalachian University Center

La rinascita dei miti razziali durante la pandemia ne è un eccellente esempio. All’inizio del 2020, questo è stato ipotizzato sui social network I neri non potevano prendere il virus. Ci sono voluti solo pochi mesi per trasformare questa teoria nell’altra direzione: ora è più probabile che prendano piede. Alcuni esperti personali hanno alimentato le braci della disinformazione chiedendo ad alta voce se le differenze genetiche tra le razze abbiano avuto un ruolo nei tassi di mortalità osservati nonostante la mancanza di dati a sostegno di questa affermazione. Sfortunatamente, i determinanti sociali della salute come la povertà, il luogo in cui vivere e l’occupazione sono stati trascurati.

Infine, è durato fino all’omicidio di George Floyd nella primavera del 2020. All’improvviso c’è stato un cambiamento tangibile nel discorso su razza e salute.

Restano i fatti: La razza è sempre stata un costrutto sociale. Ma ora è in corso una conversazione su scala globale su cosa significhi veramente la parola “razza” e sugli effetti espliciti e impliciti del razzismo sul corpo. Ha notato che i medici chiedevano ulteriori ricerche sullo stato socioeconomico, sulla dieta, sugli ambienti tossici e sui pregiudizi che esistono nel sistema sanitario. Sono stato invitato a parlare del mio lavoro sui pregiudizi nella scienza nelle scuole di medicina e nelle organizzazioni scientifiche di tutto il mondo.

La svolta degli eventi dimostra che l’ambiente politico ha un impatto significativo sulle domande poste dai ricercatori e sulle risposte che forniscono. Quando la storia umana è ambientata sullo sfondo delle differenze naturali tra i gruppi umani, i ricercatori si rivolgono inevitabilmente a fattori genetici e innati. Ma quando inseriamo il contesto storico in questo sfondo, mostrando che l’idea di razza è il prodotto di fattori sociali, saremo più interessati al modo in cui le persone vivono e a come vengono trattate. Questo sottile cambiamento di prospettiva ci aiuta a vedere il problema dov’è piuttosto che dove dovrebbe essere.

READ  Perry un 'buon allievo' della campagna vaccinale secondo Laurent Habert, direttore dell'ARS

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *