La Scala di Milano spruzzata di vernice da attivisti ambientalisti

Nell’ultima di una serie di proteste per allertare il pubblico sui cambiamenti climatici e mentre i riflettori dei media italiani puntano sulla Scala in vista del gala di apertura della stagione, mercoledì 7 dicembre attivisti ambientalisti hanno spruzzato vernice sull’ingresso del prestigioso teatro dell’opera nel capoluogo lombardo.

All’alba sono intervenuti cinque attivisti del movimento Ultima Generazione, e due di loro hanno dispiegato striscioni con la scritta “Last Generation – niente gas e niente carbone”. “Abbiamo deciso di spruzzare vernice sulla Scala per chiedere ai politici che assisteranno alla rappresentazione di questa sera di smetterla di fare la politica dello struzzo e di intervenire per salvare la popolazione”ha spiegato Last Generation in un comunicato stampa.

La polizia è arrivata rapidamente sulla scena – dove spruzzi di vernice rosa shocking, blu elettrico e turchese avevano schizzato il marciapiede – e gli attivisti sono stati arrestati. Una squadra di pulizie della Scala ha quindi lavato l’edificio.

Il Capo del Governo, Giorgia Meloni, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, sono tra le tante personalità attese a questa serata di gala prevista per la prima dell’opera Mussorgsky Boris Godunov.

“La situazione peggiora di giorno in giorno”

“La situazione economica e ambientale peggiora di giorno in giorno”continua Last Generation, riferendosi a “la tragica situazione del popolo italiano, colpito dal cataclisma di Ischia e tradito dall’indifferenza del governo”. Una frana, provocata dalle fortissime piogge del 26 novembre sull’isola di Ischiauccise 12 persone.

Leggi l’intervista: Articolo riservato ai nostri abbonati “Giovani attivisti hanno rimesso in agenda la sensibilità ambientale, non è niente”
READ  questi paesi offrono notti in hotel ai turisti

Gli attivisti di Last Generation hanno preso di mira nelle ultime settimane opere d’arte nei musei europei in proteste volte, dicono, non a danneggiare le opere, ma ad attirare l’attenzione sul disastro ambientale. Hanno preso di mira capolavori come il ragazza perladi Johannes Vermeer in un museo nei Paesi Bassi, morte e vitadi Gustav Klimt al Leopold Museum di Vienna o I girasolidi Vincent Van Gogh alla National Gallery di Londra.

Il mese scorso, a una mostra a Milano, hanno anche infarinato un’auto riverniciata da Andy Warhol.

Il mondo con AFP

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.