La pandemia ha ridotto la diversità dei virus influenzali

Le azioni contro SARS-CoV-2 hanno avuto un impatto significativo sulla diffusione di altri virus respiratori. In particolare dall’influenza, soddisfazione notizie statistiche. Ci sono molti ceppi di virus influenza responsabili dell’influenza stagionale (A, B e C), ma i gesti di barriera sembrano aver ridotto “drammaticamente” questa diversità. Normalmente, ogni anno vengono sequenziati 20.000 genomi virali dell’influenza, ma nel 2020 sono state caricate solo 200 sequenze. Alcuni ceppi di influenza (uno dei ceppi H3N2 o il ceppo B/Yamagata) non sono stati segnalati. Da marzo 2020, anche se dovremo aspettare per vedere se sono spariti per sempre.

Perché questa buona notizia? Grande diversità genetica dei virus influenza Rende difficile sviluppare un vaccino efficace per tutti. Il vaccino deve essere adattato ogni anno ai principali ceppi circolanti nell’emisfero oggetto di studio. Ma i diversi ceppi del virus tendono a divergere sempre di più, quindi i vaccini antinfluenzali devono includere antigeni influenzali sempre più distinti: ora vengono utilizzati vaccini quadrivalenti. Diversità virale persa influenza Quindi, molto si guadagna in questa corsa tra vaccini e varianti.

collegamento

leggere notizie statistiche (Sopra)

READ  Morbo di Alzheimer, inclusività e beneficenza (parte 2)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *