La guerra in Ucraina | L’avversario Alexei Navalny chiede sanzioni sistematiche contro l’oligarchia russa

(Mosca) L’avversario russo incarcerato Alexei Navalny ha denunciato, martedì, l’assenza di sanzioni sistematiche occidentali contro l’oligarchia russa per aver sostenuto il regime di Vladimir Putin e il suo intervento militare in Ucraina.

Inserito ieri alle 16:08.

In un messaggio ricco di esempi postato sui social network, ha affermato che solo 46 dei 200 russi più ricchi, secondo la valutazione della rivista ForbesAttualmente soggetto a sanzioni statunitensi, europee o britanniche.

“Per me, non sembra davvero una guerra totale contro gli oligarchi di Putin”, ha commentato.

Secondo lui, tra gli altri, l’amministratore delegato del colosso russo Gazprom Alexei Miller non è ancora nel mirino delle sanzioni europee, mentre il famoso oligarca Roman Abramovich sta ancora eludendo le sanzioni statunitensi.

Le società Abramovich continuano a fornire minerali al Ministero della Difesa russo. Come fanno a non essere ancora puniti? chiede Navalny.

“Non puoi aspettarti una spaccatura tra le élite di Putin sulla guerra se non usi il bastone contro di loro e non lasci che tengano le carote, nonostante molte chiacchiere”, ha aggiunto Navalny.

Propone inoltre di bandire “per 20 anni” da Stati Uniti, Regno Unito e UE qualsiasi figura russa che sostenga apertamente l’attacco in Ucraina.

Al contrario, afferma, il “semplice meccanismo” per evitare le sanzioni è esprimersi apertamente contro l’offensiva in Ucraina e “smettere di sostenere il regime di Putin con parole, fatti e denaro”.

“Chiedo agli elettori e ai legislatori dell’Unione Europea, del Regno Unito, degli Stati Uniti e del Canada di fare pressione sull’esecutivo e costringerlo a smettere di esagerare e di imporre massicce sanzioni personali contro i ladri di Putin”, ha lanciato Navalny.

READ  Afghanistan | Uomini e donne possono mangiare di nuovo insieme nei ristoranti di Herat

Queste dichiarazioni arrivano in un momento in cui l’Unione Europea deve considerare, da fine agosto, un divieto di visto per tutti i russi.

A marzo, Alexei Navalny è stato condannato a nove anni di carcere per frode, che considera fasulla.

È stato arrestato nel gennaio 2021, al suo ritorno in Russia dopo aver ricevuto cure in Germania per un grave avvelenamento che attribuisce al Cremlino, che quest’ultimo nega.

Dalla sua prigione vicino alla città di Vladimir, 200 chilometri a est di Mosca, continua a inviare lettere al suo avvocato.

La sua organizzazione anticorruzione conserva un elenco di oltre 6.000 funzionari russi accusati di sostenere l’attacco del Cremlino in Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.