La 37a edizione del FIFF presenterà in anteprima i cortometraggi nel fine settimana – Teller Report

Il Festival Internazionale del Film Francofono (FIFF) riprenderà il suo trimestre dal 30 settembre al 7 ottobre a Namur. Tra le novità, l’evento prevede in particolare la proiezione di cortometraggi nel fine settimana, hanno annunciato giovedì gli organizzatori.

“In precedenza, avevamo entrambi i cortometraggi nei fine settimana e anche i cortometraggi proiettati prima dei lungometraggi. E ci siamo resi conto che le abitudini degli spettatori erano un po’ diverse e che a volte i cortometraggi non erano ben visti da coloro che Sono venuti a vedere un lungometraggio, o chi è venuto a vedere il corto non sempre voleva vederlo prima di un lungometraggio”, spiega Nicole Gillette, delegata generale del festival. Per questa 37a edizione, il numero e il focus dei tribunali sono stati aumentati nel corso di due giorni. “Invitiamo tutti i registi di cortometraggi a competere questo fine settimana”, afferma la signora Gillette. “Stiamo organizzando una cerimonia di premiazione in questa categoria domenica 2 ottobre, ei vincitori saranno presentati dopo che la giuria avrà consegnato i risultati”. Solo due cortometraggi faranno eccezione a questa nuova organizzazione e verranno proiettati prima dei film di apertura e di chiusura. Così venerdì 30 settembre verrà presentata “La débandade” di Fanny Dussart, subito prima di “L’innocent” di Louis Garrel (selezionato in concorso), che sarà personalmente presente a Namur. Il film “For France” diretto da Rachid Protector della FIFA sarà chiuso. Il lungometraggio sarà preceduto da un cortometraggio “Les enfants de Bohème” di Judith Shamla. In totale, 12 lungometraggi sono stati selezionati nella competizione ufficiale. Oltre a “L’innoncent”, “Arsenault & Fils” di Rafaël Ouellet (Quebec), “Father’s Day” di Kivu Ruhorahoza (Rwanda), “Les amandiers” di Valeria Bruni Tedeschi (Francia / Italia) o anche “Retour à In concorso speciale “Seoul” diretto da Davey Chu (Francia / Germania / Belgio / Qatar / Corea del Sud. Inoltre, 10 film sono stati selezionati nella prima categoria business.

READ  Lezioni avanzate nella professione di attore con Said Taghmaoui

Il Namur Film Festival presenterà anche diversi film esclusivi, tra cui “Les Engagement” di Emilie Frisch (Francia), “Les grands seigneurs” di Sylvester Spell (Belgio) e “Il faraone, il barbaro e la principessa” di Michel Ausiello ( Francia). . / Belgio) o “Non mi odierai” di Kilian Redhof (Francia / Germania / Belgio). “Abbiamo notato, dopo aver selezionato i film, che molti dei film di quest’anno facevano riferimento al tema della paternità”, identifica Nicole Gillette in questa 37a edizione. “C’è anche una rivalutazione dei documentari, alcuni dei quali sono stati selezionati questa volta in concorso”. Oltre alle presentazioni, anche convegni e incontri previsti in programma. Michel Ocelot, a cui dobbiamo particolarmente “Kirikou e la strega”, darà al pubblico l’opportunità di riscoprire le storie dietro le sue opere durante un incontro senza precedenti. Henri de Gerlache ti inviterà a pensare a migliorare il mondo e proteggere il pianeta attraverso il suo documentario “Sœurs de fight”, sul quale sarà organizzata una conferenza. La musica del film sarà inoltre onorata da un incontro con Auel Lamour, compositore e direttore d’orchestra. (Belgio/Belgio)

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.