Kim afferma che la Corea del Nord dovrebbe prepararsi al “dialogo e al confronto” con Washington

Seul | Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha affermato che il suo Paese dovrebbe prepararsi al “dialogo tanto quanto al confronto” con gli Stati Uniti, nella sua prima reazione alla politica coreana del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

• Leggi anche: Corea del Nord: Kim Jong Un ammette la “situazione alimentare tesa”

Joe Biden, la cui “politica ostile” denuncia Pyongyang, non esclude di incontrare un giorno il leader nordcoreano Kim Jong Un, ma sottolinea che non lo farà senza chiari impegni da parte di quest’ultimo. I negoziati tra Stati Uniti e Corea del Nord sono stati fermi dopo il fallimento del secondo vertice tra Donald Trump e Kim Jong Un ad Hanoi nel 2019.

L’agenzia di stampa centrale coreana ufficiale ha riferito che Kim “ha sottolineato la necessità di prepararsi al dialogo e al confronto, e in particolare di essere pienamente preparato al confronto”, in un discorso sulla sua strategia nei confronti di Washington in una riunione plenaria del Comitato centrale del partito.

L’agenzia ufficiale ha affermato che il leader nordcoreano “ha chiesto una reazione vivace e rapida al rapido sviluppo della situazione e di concentrare gli sforzi sul controllo stabile della situazione nella penisola coreana”.

A maggio Joe Biden ha criticato l’approccio del suo predecessore Donald Trump, che ha incontrato due volte il “Chairman Kim”, a Singapore e poi ad Hanoi, senza risultati tangibili. Ha insistito: “Non gli darò un riconoscimento internazionale” senza i suoi coetanei.

nessuna illusione

Ha poi detto di “non farsi illusioni” sulla difficoltà di persuadere la Corea del Nord a rinunciare al proprio arsenale nucleare, dopo un’intervista alla Casa Bianca con il suo omologo sudcoreano Moon Jae-in.

READ  Elezioni Usa: Vladimir Putin al centro di un complotto per eleggere Donald Trump

“Non ci facciamo illusioni sulla difficoltà, non ci sono affatto illusioni. Le ultime quattro amministrazioni non hanno raggiunto l’obiettivo. È un obiettivo molto difficile”, ha detto ai giornalisti, annunciando di aver nominato il diplomatico veterano Sung Kim come speciale di Pyongyang inviato.

La Corea del Nord ha condotto sei test missilistici dal 2006. È oggetto di numerosi round di sanzioni internazionali a causa dei suoi programmi di armi vietati.

Cheong Seong-chang, direttore degli studi nordcoreani presso l’Istituto Sejong, ha affermato che Pyongyang potrebbe ora accettare una “graduale riduzione del suo arsenale nucleare e il congelamento del suo programma nucleare in cambio dell’eliminazione delle sanzioni”.

La Corea del Nord potrebbe riprendere i test nucleari quest’anno nel tentativo di costringere l’amministrazione Biden a tornare al tavolo dei negoziati, secondo un rapporto degli esperti dell’intelligence statunitense pubblicato ad aprile.

Il rapporto analizza che Kim “potrebbe adottare una serie di misure aggressive e potenzialmente destabilizzanti per rimodellare l’ambiente di sicurezza regionale e creare un cuneo tra gli Stati Uniti ei suoi alleati”.

Ciò potrebbe includere la ripresa dei test sulle armi nucleari e sui missili balistici intercontinentali (ICBM).

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *