Joëlle Sevilla, da Kaamelot a Molière

L’amante di Molière, l’eminente attrice, Joëlle Sevilla trasmette il suo amore per i dipinti nel suo teatro a Lione. Dopo Camelot, ho trovato l’autore francese che gli rendeva omaggio in un documentario.

Che biglietto da visita! Attrice, regista, autrice, produttrice, sceneggiatrice ed educatrice. Joëlle Sévilla è ovunque. L’abbiamo vista nei film, in televisione e, naturalmente, a teatro.

Nel cinema, in particolare, ho ritrovato nel luglio 2021 i costumi e le battute della signora Seeley, suocera primaria di Re Artù nella prima parte di Camelot, diretta dal figlio (vero) Alexander Astaire. Un ruolo che ha interpretato per sei stagioni in una popolare serie cult trasmessa in televisione.

Ma non interpretava questo personaggio da 13 anni, quando è stata girata l’ultima stagione. ” Le stagioni cambiano e anche le modeLei ride. ” Abbiamo avuto un costumista molto creativo in questo film. A volte sembra un po’ comico. Si è divertita così tanto a realizzare questi costumi, in un grande laboratorio. Ci ha fatto provare tante coseQuesto per quanto riguarda l’aspetto. Per quanto riguarda la signora Seeley: Sempre uguale!ha riassunto l’attrice.

Gioele di Lione. Ma le sue radici sono altrove. Metà in Spagna, l’altra metà in Italia, da parte materna. I miei genitori lavoravano. Con i miei nonni avevano attraversato un’ondata di emigrazione negli anni prima della guerra. Hanno lavorato in fabbrica.

Fin dall’infanzia, il piccolo Joel voleva diventare … un'”attrice”. ridere. ” Come fai a saperlo?“lei spiegò” Mia madre era molto sorpresa. Le persone che mi stavano intorno, i miei cugini che mi dicevano che continuavo a ripeterlo. E perché? Non lo so. Non avevo mai messo piede su un palco prima di me.“.

Ricorda i suoi ricordi. ” C’era la mia piccola vicina, una bella signora di nome Madame d’Amico, che mi portò a Les Guignols. A quel tempo, erano sul Quai Saint-Antoine. Potrebbe venire da lì. Ma non ho detto che volevo fare il burattinaio!Ridi di nuovo. ” No, non so da dove provenga…»

lui proibisce. L’invito c’è. E inoltre, inizia molto presto, dall’età di 14 anni. Bruno Boglin fu uno dei suoi primi presidi, e finì per sposarla. Il cinema verrà dopo. Interpreta il ruolo della suora in particolare ne “L’ussaro sul tetto” di Jean-Paul Rapinoe.

READ  Il Festival Internazionale del Film d'Animazione di Annecy apre i festeggiamenti

Poi arriva la televisione, con la serie ormai cult Kaamelott, firmata da Alexander Astaire, suo figlio, che rivisita la storia di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola Rotonda. Parlo di lui con umorismo, citando Giulietta Massina, quando cito Federico Fellini. ” Anche Fellini l’ha ingannata molto, le è stato spesso chiesto se fosse molto difficile stare con un genio. E lei ha risposto: molto più facile che vivere con un deficienteRidi di nuovo.

È molto più facile che vivere con un deficiente

Gioele Siviglia

Sei favolosa

Un po’ di orgoglio, lo stesso? Per Joel, è un’idea diversa”. Dato che siamo tutti in affari… anche suo padre… proprio come tutta la nostra numerosa famiglia allargata… non vedo, date le circostanze, cose come se improvvisamente apparisse un fiore, tale, che ci chiediamo dove cadeLei spiega: Posso solo essere orgoglioso di Alexander perché è un essere molto intelligente…“.

Non c’è dubbio che conoscesse questa intelligenza prima di raggiungere il successo? lei sospira Ciao. L’ho cresciuta da sola. Ero una madre molto ansiosa. Ricordo il professore di musica quando era al conservatorio. Volevo che prendesse un diploma… qualcosa che gli desse un po’ di futuro. Ma sono stato cacciato. Il suo maestro mi ha detto: Non ci pensi, signora! Alessandro è un artista! Ho pianto quando non aveva dieci anni. Io, stavo solo cercando di vedere come avremmo mangiato, cosaA quel tempo, era preoccupata per il suo futuro. Ero in tournée. Un’attrice di teatro all’epoca… avevamo un po’ paura di non arrivarci…»

Molto più tardi, finisce per suonare sotto la sua direzione. ” Ancora una volta, la storia di questa grande famiglia non ci sorprende moltoQuasi si scusa. Penso che sia molto serio. molto bella. Penso che tutti gli attori direbbero la stessa cosa. Tuttavia, ho girato con registi irascibili. Ma non chiedermelo, perché si complicherà…»

vera tribù. In questo film troviamo in particolare il padre di Alexander, Lionel Astaire, che interpreta Lyudagan, il suocero di Re Artù, e dozzine di altri membri della famiglia. e persino Bruno Bogelin, primo marito di Joel. ” Sembra sciocco dire che siamo una grande famiglia ma… sì, lo stesso. Penso che gli attori, specialmente in teatro, siano persone che rimangono leali. Una volta che facciamo un piccolo viaggio insieme, siamo devoti l’uno all’altro. Si espande così…“, riassume l’attrice. Una fedeltà al cinema meno evidente. ” Nel cinema, penso che ci siano più clan. Ci sono più generi, famiglie diverse“.

Sono contento di Leon. lei è bella.

Poi c’è il legame con il Lione. In questa immagine Camelot Stagione 4 si trasforma completamente nella culla di origine di questa grande famiglia. forte volontà. ” Penso di si. A proposito, è il primo. Alexander andava spesso a Parigi per negoziare con il canale M6. Ma per lavoro, ha detto, si lavora meglio a Lione. Lì siamo sempre nei trasporti, metropolitana e taxi. Non possiamo fare nienteJoëlle non ha mai lasciato Lione, tranne che per i tour. Sono contento di Leon. lei è bella. Onestamente…»

READ  Quando Nani Moretti ha annegato le sue zanne in Berlusconi

Il film ebbe un enorme successo, raggiungendo 2,4 milioni di spettatori, nonostante l’obbligo della tessera sanitaria. Quindi è chiaro che ci sarà un sequel al cinema. E Joëlle di solito ci sarà. ” Beh, spero. Se non fossi morto!lei ride.

Trovo che gli attori non siano responsabili nel cinema. Mentre sono sul palco sono responsabili del loro ruolo

Sarà una nuova occasione per rivedere questa straordinaria attrice sul grande schermo. Quando le è stato chiesto, di sfuggita, se le sarebbe piaciuto giocare di più sul grande schermo, ha esitato. ” Sai, è molto lungo, cinema. La pazienza è necessaria. Certo, è molto bello perché non devi rifare le cose 700 volte. Ma trovo che gli attori non siano responsabili nel cinema. Mentre, sul palco, sono responsabili del loro ruolo. Lì, nessuno può prenderli. Niente può fermarli. »

Incrocia le braccia Dal momento in cui salgono sul palco, faranno quello che vogliono. Al cinema non abbiamo niente. Non siamo sicuri che modificheremo dopo il montaggio finale. Non siamo sicuri di niente. Non conosci l’intero scenario quando hai un piccolo ruolo. Possiamo discutere di qualsiasi cosa. il tempo sta passando. C’è una differenza enorme…»

Joëlle Sévilla studia a Studio di recitazione, scuola di teatro, che ha fondato nella Vecchia Lione nel 1999. I futuri attori vi hanno trascorso tre anni. “È molto complicato da spiegare. Il giovane attore, quando arriva, deve passare attraverso tecniche completamente diverse. In effetti, deve imparare ad avere fiducia per mantenere un gruppo. Per interpretare autori difficili, vai avanti, esci un po’ dalla loro ombra e accetta semplicemente lo sguardo. Poi, a poco a poco, le tecniche fanno sì che entrambi accettino di interpretare il ruolo della composizione, ma anche di ritrovarsi e di ascoltarsi.“.

READ  Etihad e Fred Foggia hanno lanciato il marchio di reality TV e hanno presentato "The Mediterranean" con BBCS e France TV

Cercando di affinare il suo punto di vista Quando vediamo un attore recitare al cinema, pensiamo che sia semplice. Ma, in effetti, i preparativi, dentro di sé, sono formidabili. Sempre la stessa cosa: essere efficienti. Più velocemente possibile“.

Diventare attore… I preparativi, dentro di sé, sono enormi. Sempre la stessa cosa: essere efficienti. Più velocemente possibile

Più recentemente, ha realizzato il progetto “L’autre Molière”, un documentario di 52 minuti diretto da Eric Gerardot, trasmesso quest’anno su France 3. È un’autrice che ama molto.
La prova: ha comprato un teatro che riapre nell’ottobre 2021 a Lione. In “Mascarille” – un nome preso in prestito dai personaggi dei servi nelle commedie di Molière – era un’opera di questo formidabile autore che ha debuttato: “Les fourberies de Scapin”. Trasmette il suo amore per Molière ai suoi studenti, in particolare ricordando loro: ” Sta a te capire che è uno scrittore prezioso e che devi dargli la verità!»

Se lo incontrassi, cosa gli diresti? La risposta è immediata “J ti amo!Spesso dimentichiamo che Moliere ha vissuto dodici anni della sua vita. Caro LioneE Joel non ha dubbi sul fatto che le sue opere continueranno a essere rappresentate tra un secolo. ” Lo suoneremo fino alla fine dei tempi, come Shakespeare. Questo non finirà mai Dice.

REPLAY: guarda o rivedi l’intero programma con Joëlle Sévilla

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.