Il repubblicano Jim Jordan non viene eletto “presidente” del Congresso americano

Il repubblicano Jim Jordan non viene eletto “presidente” del Congresso americano

Ancora nessuna fumata bianca: il funzionario eletto dell’Ohio Jim Jordan, luogotenente di Donald Trump, martedì non è riuscito a essere eletto presidente della Camera nel cruciale primo turno delle elezioni, minando un’istituzione in crisi.

Tuttavia, il 50enne può mantenere la sua candidatura alla carica Altoparlante Per diversi round. Quindi è ancora possibile che riesca a raggiungere il pulcino.

Il Congresso degli Stati Uniti è composto da due camere: una, il Senato, è vinta dai democratici, guidati da Joe Biden, mentre l’altra, la Camera dei Rappresentanti, dominata dai repubblicani, due settimane fa si è trovata in un pantano senza precedenti.

Questa istituzione non ce l’ha più Altoparlante Dopo lo storico licenziamento di Kevin McCarthy il 3 ottobre, che l’ha privata di molti dei suoi poteri, compreso quello di agire a sostegno di Israele o dell’Ucraina.

Posizioni estreme

Con la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti e quindi responsabili dell’elezione del presidente, i conservatori hanno esposto alla luce del sole le loro divisioni nel processo di nomina del successore di Kevin McCarthy da due settimane.

Dopo diverse trattative molto lente, il rappresentante eletto dello Stato dell’Ohio Jim Jordan, molto vicino a Donald Trump e membro dell’ala più conservatrice del partito, è attualmente l’unico candidato repubblicano in corsa.

Ma non è riuscito a ottenere il sostegno di un numero sufficiente di suoi colleghi per ottenere un seggio elettorale nella sessione plenaria del consiglio.

Venti funzionari eletti repubblicani, la maggior parte dei quali moderati che criticano Jim Jordan per le sue posizioni estremiste, hanno votato contro la sua nomina.

Un fatto degno di nota sottolineato dai suoi critici: Jim Jordan è stato eletto al Congresso nel 2006 e non è mai riuscito a far approvare nemmeno il minimo disegno di legge a suo nome. È considerato, da molti, uno dei funzionari eletti meno produttivi della Camera dei Rappresentanti.

READ  Il comitato della Camera vota per pubblicare le dichiarazioni dei redditi di Trump

Tuttavia, queste elezioni possono durare diversi giorni: Altoparlante Kevin McCarthy, che è stato licenziato, ha dovuto lottare per 15 giri e ingoiare più di un serpente per arrivare al suo posto a gennaio.

I repubblicani vogliono a tutti i costi evitare che si ripeta la scena umiliante ripresa dalle televisioni di tutto il paese all’inizio dell’anno. Finora, invano.

Il Senato si mobilita per Israele

In un’istituzione ancora scossa dall’assalto al Campidoglio, i democratici denunciano l’ambigua posizione di Jim Jordan sulle elezioni presidenziali del 2020, elezioni che l’ex presidente Donald Trump continua a descrivere, senza prove, come “rubate”.

I funzionari eletti del partito di Joe Biden, una minoranza alla Camera dei Rappresentanti, si sono tutti schierati dietro la candidatura del loro leader, Hakeem Jeffries, ma non hanno ricevuto abbastanza voti per vincere la presidenza.

Aumenta la pressione sulla Camera dei Rappresentanti affinché torni al lavoro, mentre il Senato sta già preparando un importante pacchetto per Israele.

Ciò includerebbe “assistenza militare, diplomatica, umanitaria e di intelligence – tutto ciò di cui Israele ha bisogno”, ha detto martedì il leader democratico Chuck Schumer, sperando che venga approvato “entro le prossime settimane”.

Il Senato esaminerà anche una risoluzione che condanna Hamas e mercoledì discuterà la conferma della nomina di un nuovo ambasciatore in Israele.

Il suo leader repubblicano, Mitch McConnell, ha dichiarato: “In quanto più stretto alleato di Israele, gli Stati Uniti devono dare l’esempio sostenendo le sue azioni di difesa per tutto il tempo necessario”.

Da vedere in video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *