Un migliaio di manifestanti filo-palestinesi marciano a Montreal

Un migliaio di manifestanti filo-palestinesi marciano a Montreal

Un migliaio di manifestanti filo-palestinesi sono arrivati ​​da tutto il Quebec per marciare nel centro di Montreal sabato pomeriggio.


I manifestanti si sono riuniti, portando in mano bandiere e striscioni palestinesi, per commemorare il 76° anniversario della Nakba, il nome che si riferisce allo sfollamento forzato dei palestinesi durante la fondazione dello Stato di Israele nel 1948.

La folla si è radunata prima davanti al consolato generale israeliano a Montreal per poi scendere nelle vie del centro, sotto lo sguardo curioso dei passanti. “Gaza, Montreal è con te!” », hanno annunciato i manifestanti, che chiedevano anche un cessate il fuoco immediato, il ritiro delle forze dalla Striscia di Gaza, nonché la rottura di tutte le relazioni tra Canada e Israele.

A margine della manifestazione, Ziad, portavoce del Gruppo di Solidarietà per i Diritti Umani Palestinesi (SPHR), ha detto di essere incoraggiato dal gran numero di manifestanti venuti sabato per incoraggiare la causa filo-palestinese. “Il supporto è eccezionale. […] Ci dà molta motivazione. »

Secondo Ziad, questa mobilitazione dei cittadini rappresenta “un’altra tappa e un’altra tappa di questo movimento, che è cresciuto notevolmente negli ultimi mesi”.

Non ci fermeremo finché le nostre richieste non saranno ascoltate.

Ziad, portavoce di Concordia SPHR

I manifestanti si sono fermati davanti al campus della McGill University, dove i relatori hanno tenuto discorsi a sostegno del campo studentesco filo-palestinese che si è svolto lì due settimane fa.

Un movimento multigenerazionale

Diverse generazioni si sono incontrate durante la manifestazione, che si è svolta pacificamente.

Frederick Jones, 78 anni, ha detto di essere stato così terrorizzato dalle immagini di Gaza che ha visto in televisione che non poteva restare a casa. Il pensionato, che ha manifestato con la moglie 81enne, ha detto: “Ho letto quello che è successo ai palestinesi nel 1948, e vedo che stiamo facendo di nuovo la stessa cosa”.

READ  Biden: l’occupazione di Gaza da parte di Israele sarebbe un “enorme errore”

La persona che ha partecipato alla marcia a nome dell’organizzazione Palestinesi ed Ebrei Uniti (PAJU) ha aggiunto: “Ciò che Israele sta conducendo non è una guerra contro Hamas, ma piuttosto una guerra contro il popolo”.

Con un cartello in mano, Oscar Carrillo camminava accanto alla figlia di 9 anni. Il manifestante, che ha partecipato a diverse altre manifestazioni dal 7 ottobre, data in cui è iniziata la guerra tra Israele e Gaza, ha detto: “Sono qui in solidarietà con i miei fratelli e sorelle palestinesi che sono sottoposti al genocidio”. Il padre ha aggiunto: “Sto marciando per la pace”.

La protesta è stata organizzata dai gruppi Movimento giovanile palestinese, Avvocati per la Palestina, Alleanza degli operatori sanitari per la Palestina, Palestina Quebec e Lavoratori per la Palestina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *