Felix Auger-Aliassime e Alexis Gallarno: Un nascondiglio andato storto

Una volta, durante un torneo in Austria, Felix Auger-Aliassime e Alexis Gallarno giocavano a nascondino con altri giocatori. Avevano 13 o 14 anni.

Per assicurarsi di non essere visti, si sono barricati nella sala elettrica dell’hotel. Non mi è piaciuto il personale. Così uno dei dipendenti ha chiamato la polizia.

“Alla fine non è successo niente di grave. Io ero il più duro e Félix era il più calmo. Stavo ancora cercando di dare l’esempio, perché ero un po’ più grande, ma Félix era sempre più disciplinato”, ricorda Galarno, 23 anni e più duo, sorridendo con la voce.

Credito immagine: cortesia

“Sono bei ricordi! Siamo andati ai tornei insieme in tutto il mondo. Abbiamo fatto alcune cose del genere… Abbiamo messo alla prova anche i limiti dei nostri allenatori, cosa che penso sia normale a questa età”, aggiunge Auger Aliassime con una risata.

Pertanto, questa amicizia tra i giocatori del Quebec risale a molto tempo fa. Ma anche il giocatore che collega tutti i canadesi presenti a quest’ultima tappa di Coppa Davis, nella meravigliosa Malaga.

Ci sono Auger Aliassime, Denis Shapovalov e Vasek Pospisil, oltre a Gallarno e Gabriel Diallo, entrambi fuori dai primi 200 e che, salvo infortuni o sorprese, hanno fatto la trasferta come sostituti, compagni di allenamento (vedi altro testo).

Come fratelli

Se Felix e Alexis si conoscono da quando avevano otto e nove anni, allora Auger-Aliassime è anche un buon amico di Diallo. Suo padre lo ha preso sotto la sua ala protettrice quando è stato escluso dal Canada National Tennis Center nella sua prima adolescenza.

Diallo sesto al mondo è “come un fratello”, ha detto alla rivista Sam Aliassime, durante l’incontro internazionale degli Stati Uniti.

READ  Multa di 12mila euro per l'Atalanta dopo aver insultato il presidente della Fiorentina

Felix ha già definito Pospisil il suo “fratello maggiore”. Poi, certo, c’è quel legame che lo unisce a Shapovalov, che ha iniziato a scalare le classifiche ATP più o meno con lui, e con cui ha vinto gli US Open nel doppio junior, sette anni fa.

Dennis e Felice

Credito immagine: Instagram

“miglior spirito di squadra”

Quest’ultimo turno di Coppa Davis, che inizia giovedì per il Canada, contro la Germania, è la storia di una banda di “compagni” venuti in Spagna per divertirsi. E vincere, ovviamente.

Insomma, vincere divertendosi.

“Penso che probabilmente abbiamo il miglior spirito di squadra tra le otto squadre là fuori”, ha detto Galarno. Conosco un po’ altre formazioni, ma il legame che unisce una squadra composta da ragazzi che si conoscono da quando avevano 8 anni è difficile da battere.

Felice e Alessio

Credito immagine: cortesia

“Abbiamo giocato tutti l’uno contro l’altro, abbiamo viaggiato insieme e Felix è il mio migliore amico da quando avevo nove anni. Si presenta negli spogliatoi e ci stiamo davvero divertendo molto”, dice il 23enne, attualmente classificato 204 nel mondo. .

“Sono cresciuto meno con Denis”, dice da parte sua Auger-Aliassime. I miei amici d’infanzia sono Alexis e Gabriel di più. Ma con [Shapovalov]Mi sono divertito molto sul campo da quando avevamo 15 anni. Quindi è bello stare insieme qui”.

Vittoria niente di meno

In un nuovo formato implementato quest’anno, la fase finale della Coppa Davis è iniziata martedì, con la partita dei quarti di finale tra Olanda e Australia. Ed è stato proprio quest’ultimo a raggiungere l’ace box, grazie alle vittorie in tre set di Jordan Thompson, 84 al mondo, e Alex de Minaur, 24.

READ  'Piccole speranze' per vedere Lukaku giocare di nuovo prima della Coppa del Mondo

Oltre a questi paesi, oltre a Canada e Germania, gli altri paesi partecipanti sono Stati Uniti, Italia, Croazia e Spagna. Tutti idonei a settembre.

In ogni pareggio ci saranno due incontri di singolare e uno spareggio di doppio, in caso di parità.

Con un infortunio che ha costretto il numero uno del mondo Carlos Alcaraz fuori, con sgomento dei padroni di casa, i rappresentanti di Maple Leaf contano sull’MVP del torneo in Felix.

Felix aspira solo a vincere, dopo aver perso in finale tre anni fa contro gli spagnoli.

I canadesi dovranno però diffidare di un’altra potenza, gli americani, rappresentati in particolare da Taylor Fritz, 9°, e Frances Tiafoe, 19°. L’unico altro paese che scommette su due dei primi 20 – Shapovalov è 18esimo – potrebbe incontrarsi in semifinale sabato.

“Sì, certo, l’obiettivo è vincere! Auger-Aliassime lancia. Devi essere bravo per tre giorni e la coppa sarà nostra. Ma vogliamo davvero vincere”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.