Dengue: dal 1 maggio sono stati registrati 36 casi locali nella Francia continentale

Dengue: dal 1 maggio sono stati registrati 36 casi locali nella Francia continentale

Da allora, nella Francia continentale sono stati ampiamente rilevati trentasei casi di dengue trasmesso localmente, cioè non collegati a un recente viaggio in una regione del mondo in cui il virus viene trasmesso da persona a persona dalle zanzare tigre. Il periodo di prova 2023 inizia il 1° maggio.

In Newsletter settimanale La sanità pubblica francese (SPF), pubblicata questo martedì, indica che 14 casi sono stati identificati in Provenza-Alpi-Costa Azzurra (PACA), 19 in Occitania, due in Auvergne-Rhône-Alpes e uno in Ile-de-France dove questo è la prima volta quest’anno.

Questi casi locali indicano che la persona potrebbe essere stata infettata sul posto, dopo essere stata punta da una zanzara tigre. La presenza di questi insetti continua ad aumentare da quasi 20 anni nella Francia continentale, in un contesto facilitato dal riscaldamento globale. Ciò porta logicamente a un aumento senza precedenti dei casi di dengue nella Francia continentale. Nel 2022 sono stati registrati sessantasei casi.

Questi casi sono stati precedentemente osservati nelle regioni meridionali, dove il clima era più adatto alla zanzara tigre. Nel 2022, la situazione epidemiologica della febbre dengue nella Francia continentale è stata “eccezionale”, secondo un rapporto pubblicato quest’estate dall’Autorità sanitaria pubblica francese. I casi di trasmissione locale solo lo scorso anno hanno superato il numero totale di casi identificati nel periodo 2010-2021 (66 casi, rispetto a 48 casi).

La febbre dengue è una malattia virale che provoca febbre alta e, in rari casi, si sviluppa in una forma più grave che provoca sanguinamento. Tuttavia, i decessi sono molto rari: circa lo 0,01% di tutti i casi.

READ  Il rapporto degli specialisti afferma che l'insufficienza cardiaca necessita di una migliore individuazione e trattamento

All’estero, le Antille attraversano una fase epidemiologica da metà agosto e le autorità sanitarie stanno monitorando i casi a rischio di sviluppare forme gravi, in particolare i pazienti affetti da anemia falciforme. La maggior parte dei casi importati proviene dalla Guadalupa e dalla Martinica.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *