Cultura: onorare il Marocco a Les Nuits d’Orient

Martedì (8 novembre), Christine Martin ha presentato l’edizione 2022 del Festival Les Nuits d’Orient, alla presenza del vice console marocchino Loubna El Bettar. L’Assistente culturale ci invita a “condividere insieme la ricchezza delle nostre culture che si incontrano”.

Ora un evento annuale organizzato dalla città di Digione, il Festival Nuits d’Orient si svolgerà dal 25 novembre all’11 dicembre a Digione e dintorni.

Questo martedì, 8 novembre 2022, il programma è stato presentato da Kristen Martin (PS), Vice Sindaco alla Cultura, e Adrian Cassina, Responsabile Azione Culturale e Pubblica Amministrazione.

In un arredamento luminoso che ricorda il codice colore del festival, la conferenza stampa si è tenuta per la prima volta al conservatorio d’influenza regionale. Il direttore Jean-Yves Dupont Le Maire ha introdotto la struttura culturale.

Concentrati su Chefchaouen

L’edizione 2022 è incentrata sul Marocco e più precisamente su Chefchaouen, cittadina nella regione del Rif a cui Digione è legata dalla firma nel 2016 di un accordo di partenariato nord-sud.

Dal Marocco allo Yemen, il festival riunisce diverse mostre di fotografi orientali e occidentali, tra cui la mostra di Hadnan Hakon, che sarà presentata al Consolato Generale del Regno del Marocco a Digione.

“Insieme condividiamo la ricchezza delle nostre culture convergenti”

L’Aiuto responsabile della cultura ha iniziato il suo intervento con la frase “vivere insieme e globalizzazione” che “deve essere evidenziata oggi più che mai”.

“Quando i regimi autoritari continuano a conquistare in tutto il mondo ma anche in Europa, da ultimo in Italia e altrove, abbiamo l’obbligo di dimostrare che l’umanità è forte e bella e che la ricchezza viene dagli incroci. Costruiamo dalla cultura di ciascuno condiviso cultura, rispetto per gli altri e assoluta convinzione di poter creare Insieme l’umanità della condivisione”, ha sviluppato Kristen Martin.

READ  Perfrancesco Favino, un italiano di base della nostalgia

Connettiti con il pubblico per sperimentare la libertà, l’uguaglianza, la fratellanza e il secolarismo

“Ci rivolgiamo a coloro che sono chiamati con un termine che non mi piace, alle masse che sono lontane dalla cultura. Noi che siamo lontani da loro, non devono essere necessariamente lontani da noi. Se le masse sono lontane lo è è perché non li cercheremo. Sta a tutti noi fare lo sforzo di cercarli. Abbiamo questo dovere, questo obbligo, questa necessità di portare insieme, signora Vice Console, i valori che portiamo nel nostro corpo. Questi valori sono i valori della Repubblica francese, e se il mondo è davvero impegnato a far rivivere la libertà, l’uguaglianza, la fraternità e il secolarismo, saremo al centro di ciò che deve essere È il nostro mondo, ” continuò il socialista.

Dalla cultura alla gastronomia

Dominique Betwist, direttore dell’Opera di Digione, e Nass Esmat hanno annunciato un progetto senza precedenti al Grand Theatre dal nome Canzoni Muwashah dall’Andalusia al Libano.. Per la prima volta, il coro dell’Opera di Digione canterà in arabo, il che sarà un affetto speciale per il direttore del coro, la cui lingua madre è.

I cantanti saranno accompagnati da quattro musicisti con strumenti tradizionali orientali, oltre alla voce di Hasna Bennani, soprano marocchino formatosi presso l’Istituto Nazionale di Danza e Musica di Parigi.

Karen Foyer, sottosegretario del Dipartimento interregionale dei servizi carcerari, ha presentato una mostra digitale e una conferenza “Dive, da Umm Kulthum a Dalida” che sarà visibile sul sito web La Nef della Biblioteca Comunale di Digione e nel Consolato Generale del Regno del Marocco.

Questo evento è una parziale ripresa di una conferenza tenutasi presso l’Arab World Institute, che mira a scoprire le artiste della canzone e del cinema arabo.

READ  Gli operatori dello spettacolo a Roma scendono in piazza per protestare contro le restrizioni del coronavirus

La gastronomia è particolarmente presente quest’anno con il progetto “Teste a Shawnee” Inserito da Samuel Offredi di Magna Vox. Un video di presentazione del viaggio di Aurore e Simon vedrà protagonisti gli chef di Péniche Cancale, che hanno incontrato gli chef a Chefchaouen. Da questa avventura è nata una ricetta che unisce le due culture e può essere gustata prima dello spettacolo a Péniche Cancale.

Anche altri attori hanno presentato opere: Mostra fotografica “Le cabine da sogno o il diritto di lasciare le valigie” Presentato da Didier Thomas, Presidente del CCFD-Terre Solidaire de Côte-d’Or, Concerto Presentato da Pierre-Élie Chapuis della brasserie Un Singe en hiver, Presentazione e Documentario di Maëlle Poesy e Caire Guieze, del Théâtre Dijon Bourgogne, Conferenza di Alain Dermingian, direttore della Maison de la Méditerranée o la proiezione di un film di Maud Leborg, regista di MJC-CS Montchapet.

Lo spettacolo si è concluso con una danza solista di Anna, in associazione con Figures de Style, prima di un periodo di convivenza attorno ai dolci orientali preparati dai volontari dell’associazione Grésilles Nouveau souffle.

testi e immagini
Sabrina Dulzee

Programma del festival sul sito web di Digione

















You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.