Classificazione All Hazards: Classico non riconosciuto

Classificazione All Hazards: Classico non riconosciuto

Oggi, con tredici film prodotti, Claude Sautet è considerato uno dei più grandi registi francesi. Pur beneficiando del sostegno di Positif, questo riconoscimento non fu privo di difficoltà, poiché il regista fu diffamato dai Cahiers du Cinéma e da gran parte della critica cinematografica intellettuale dell’epoca. I suoi inizi furono particolarmente difficili: Ciao sorriso Era un film che gli era stato commissionato di finire a causa della defezione di Robert Deere e che non l’ha mai riconosciuto come parte del suo lavoro; Dall’altro lato Classifica tutti i rischi È stato un progetto in cui ha gestito tutti gli aspetti dall’inizio alla fine, in particolare la difficoltà di scegliere il poco conosciuto Jean-Paul Belmondo. Selezionato nei Classici di Cannes, Classifica tutti i rischi Nella versione restaurata è stata l’occasione per riscoprire il primo film di Claude Sauté, in cui aveva già mostrato una certa maestria, e che prefigurava alcuni dei suoi temi preferiti.

Gangster condannato a morte in contumacia e ricercato dalla polizia, Abel Davos si è rifugiato in Italia con la moglie Therese e i loro due figli. Insieme a Raimondo riuscì a farsi arrestare a Milano, ma i due complici furono presto rintracciati e decisero di tornare segretamente in Francia. Il piccolo gruppo atterra su una spiaggia deserta, ma viene sorpreso da due doganieri.

Classifica tutti i rischi Così, nonostante il suo fallimento iniziale e la mancanza di interesse o addirittura il rifiuto da parte della critica, è diventato un classico inossidabile, un classico infallibile contro ogni rischio.

Oggi, Classifica tutti i rischi Appare come un classico poco conosciuto del cinema francese. Non era lo stesso quando è uscito, poiché il fiasco è stato oscurato da tuoni e rivoluzioni fino all’ultimo respiro Chi ha rivelato Jean-Luc Godard. Diciamo solo che, Sautet mostra qualità molto diverse da Godard in sottigliezza, secchezza e velocità di tecnica. Scorre in uno stampo di genere mentre Godard lo fa esplodere con le sue citazioni letterarie, il leggendario rilassamento della sua estetica e il suo montaggio non ortodosso. Sautet è più modesto e più saggio, facendo sembrare il suo film un thriller di Millville sulla solitudine dei gangster in fuga e avvicinandosi ai film americani dell’epoca (in particolare Aldrich o Fuller). Godard e Sauté partono da Melville ma ne derivano differenze diametralmente opposte, pur essendo tra loro imparentate.

READ  EuroFootball: Perché le trasmissioni ucraino-inglese su Kanalsat, MyCanal e Free si sono fermate

Non c’è dubbio che Sautet si sia trovato davvero con cose dalla vitae soprattutto grazie a Romy Schneider che ha influenzato la naturale mascolinità dell’autore. Classifica tutti i rischi È principalmente un film per uomini, con le donne mostrate come una quantità insignificante (la moglie di Davos, morta in fretta, o il personaggio di Sandra Milo, insignificante). Ci sono voluti un lungo viaggio e alcuni film con Romy Schneider perché Sautet passasse da un mondo di uomini (Vincent, Francois, Paul e gli altridal titolo simbolico) per una comprensione piuttosto rara del mondo femminile (MadhuE Storia semplice) che non ha lasciato dopo nei suoi film successivi.

In Classifica tutti i rischiSautet sottolinea soprattutto l’immensa unità degli uomini e la loro rara solidarietà che equivale a una toccante amicizia tra Abel Davos ed Eric Stark. L’ironia è che loda così il padre di un gangster quando non sapeva che il suo modello Abel Danos (e non Davos) era uno dei più grandi carnefici della Gestapo. Sawt avrebbe potuto non dedicare il suo film a questo dubbio eroe se lo avesse saputo. Nemmeno Lino Ventura, così abile nel registro interiore e muto che lo caratterizza. Nota anche uno dei primi ruoli di Jean-Paul Belmondo dopo Bloccato due volte di Claude Chabrol, ma prima ancora fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard. Come sappiamo, nella storia del cinema (o della sua leggenda), sebbene Chabrol e Saut li abbiano preceduti, Godard sarà comunque il principale scopritore di Belmondo. Quest’ultimo è idealista nel suo rapporto con Ventura, che considerava un figlio. Lo stesso riflesso paterno accadrà con Gabin scimmia in invernoQuesto fa di Belmondo il grande erede di queste due icone del cinema francese.

READ  Lantern Entertainment, con sede a Dallas, sostiene l'acquisizione di Paris Studios

Classifica tutti i rischi Così, nonostante il suo fallimento iniziale e la mancanza di interesse o addirittura il rifiuto da parte della critica, è diventato un classico inossidabile, un classico infallibile contro ogni rischio.

RÉALISATEUR : Claude Sautet 
NATIONALITÉ :  française 
GENRE : polar, film noir 
AVEC : Lino Ventura, Jean-Paul Belmondo, Sandra Milo 
DURÉE : 1h50 
DISTRIBUTEUR : Tamasa Distribution 
SORTIE LE Prochainement 

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *