“Cancellare la croce dell'infermo” dal manifesto ufficiale rasenta la “stupidità”, rivolgendosi al ministro degli Esteri italiano

“Cancellare la croce dell'infermo” dal manifesto ufficiale rasenta la “stupidità”, rivolgendosi al ministro degli Esteri italiano
Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani a Roma, il 19 dicembre 2023.
Remo Caselli/Reuters

L'ex presidente del Parlamento europeo ha criticato: “Se non rispettiamo noi stessi, gli altri non rispetteranno mai gli europei”, riferendosi alla “scomparsa” della croce degli Invalides sul manifesto dei Giochi Olimpici di Parigi.

Antonio Tajani ce l’ha con la laicità”. Per il francese », ed è preferibile annunciarlo nella lingua di Molière. Il ministro degli Esteri italiano è tornato ampiamente sulla polemica sulla “scomparsa” della croce degli Evalides, dal manifesto ufficiale dei Giochi Olimpici, nel corso della conferenza del Partito popolare europeo, giovedì a Bucarest. 7 marzo. Non è stata una buona idea cancellare il cross di Invalid. Non è una buona idea cancellare la nostra storia e la nostra identità, lanciando un messaggio agli altri »Ha esordito dal podio il capodelegazione italiana del Partito popolare europeo italiano, in francese, con un accento sfumato dalla r arrotolata.

C'è da dire che il disegnatore del suddetto manifesto, il parigino Ugo Gattoni, è lui stesso di origini italiane. Quello che dà più fastidio è l'attuale segretario del partito Forza Italia, fondato da Silvio Berlusconi. Nessun musulmano o ebreo è riuscito a cancellare la sua storia »Ha continuato l'eletto italiano, tra gli applausi dei suoi tifosi. Se non rispettiamo noi stessi, gli altri non rispetteranno mai gli europei. Non è laicità, è stupidità ! »Poi ha licenziato chi ricopre anche la carica di vicepresidente del Consiglio italiano nel governo di destra di Giorgia Meloni.

READ  Italia: imbarcazione turistica belga provoca incidente mortale sul lago di Como

“Spero che cambino le cose in Francia”.

Credo nella laicità : Non cancella la storia, né cancella l'identità (…). Spero che cambino le cose in Francia (…). Questa non è una foto (disegno, ndr) Che cambia la storia della Francia e dell’Europa »Ha insistito Antonio Tajani, ricordando le radici democristiane del suo partito.

La sua risposta è stata molto apprezzata dalla delegazione francese del Partito popolare europeo, che si oppone alla nuova nomina di Ursula von der Leyen alla guida della Commissione europea. Perché invece non incoroni me? ? »Un membro del partito LR ha addirittura fatto marcia indietro dopo il discorso dell'attuale numero 2 del governo italiano ed ex presidente del Parlamento europeo.

Grazie, caro Antonio Tajani, per queste parole forti per la Francia Il nostro Paese e l’Europa non saranno rispettati se non rispetteranno la loro storia e ciò su cui si fondano »Reazione


” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *