Berlino afferma che il divieto dell’UE sul petrolio russo è possibile “entro pochi giorni”

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha stimato un embargo europeo sul petrolio russo “tra pochi giorni”, mentre l’argomento non sta attualmente ottenendo i consensi necessari all’interno del quadro dei ventisette.

“Sono rimasti solo pochi stati, in particolare l’Ungheria, che hanno segnalato problemi”, ha detto Habeck all’emittente statale ZDF lunedì sera. Ma “le discussioni continuano” e “Penso che tra pochi giorni avremo una svolta”.

• Leggi anche: diretto | L’inizio del quarto mese di guerra

Gli europei avevano già annunciato la fine delle importazioni di carbone russo dal prossimo agosto. Ma è ancora in discussione un embargo petrolifero entro la fine dell’anno.

Secondo Habeck, “il divieto è a portata di mano” con una decisione sulle sanzioni europee adottata all’unanimità.

Inizialmente, Bruxelles prevedeva di fermare le importazioni di petrolio greggio russo entro sei mesi e di prodotti raffinati entro la fine del 2022.

Ma l’Ungheria sta attualmente rifiutando questo sesto pacchetto di sanzioni proposto dalla presidente della commissione, Ursula von der Leyen, per mancanza di garanzie sulla conservazione dei suoi rifornimenti.

Il primo ministro Viktor Orban, che finora ha sostenuto tutte le sanzioni europee nonostante la sua vicinanza a Vladimir Putin, teme aumenti dei prezzi.

Paese senza sbocco sul mare, senza accesso al mare, l’Ungheria dipende dal petrolio che l’oleodotto Druzhba porta dalla Russia. Quindi Budapest ha chiesto un’esenzione per rifornire attraverso questa rotta, che rappresentava 0,7 dei 2,8 milioni di barili al giorno, una piccola parte degli acquisti europei.

Il governo ungherese ritiene insufficiente la deroga di due anni a Ungheria, Slovacchia e Repubblica ceca. Ha richiesto almeno quattro anni e quasi 800 milioni di euro di finanziamenti europei per adeguare le sue raffinerie e aumentare la capacità del gasdotto Adria che arriva dalla Croazia.

READ  Un nuovo informatore accusa Facebook di ogni male

Dall’invasione dell’Ucraina, l’Unione Europea ha anche cercato di ridurre rapidamente la sua dipendenza dal gas russo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.